Torino, ragazzino annega in un fiume: forse un tragico incidente

Morte per asfissia. Un bambino di 11 anni è morto ieri pomeriggio a Coazze, in provincia di Torino. Il ragazzino, Mark Aidoo, di origine ghanese, è caduto nelle acque del torrente Sangone ed è deceduto qualche minuto dopo. Anche gli accertamenti del medico legale hanno confermato che la causa della morte è l’asfissia, come conseguenza dell’annegamento. Sul motivo della caduta in acqua si erano fatte in un primo momento diverse ipotesi, ma due amici di Mark, che erano assieme a lui nel momento della tragedia, raccontano che il ragazzino è scivolato accidentalmente in una fossa profonda più di 3 metri che si trova in quel tratto di fiume ed ha così perso la vita.

Amica portata in ospedale. L’altra testimone dell’incidente è una ragazzina di 14 anni facente parte della medesima comitiva. Dopo aver assistito alla morte dell’amico, la giovane ieri si è sentita male ed è stata portata immediatamente in ospedale. Una volta superato lo stato di choc, anche lei verrà ascoltata dai carabinieri di Giaveno. La tragedia avvenuta ieri ha scosso l’intero paese di Coazze, dove Mark viveva da quattro anni con i genitori e la sorella. “Mi pare impossibile che Mark abbia fatto una fine così brutta”, racconta il sindaco Paolo Allais, “era un ragazzino gioviale, pieno di vita, che scorrazzava per Coazze con la sua bicicletta”.

Gianluca Bartalucci