La Farnesina mette in mostra i suoi capolavori all’Ara Pacis di Roma

La Farnesina per la prima volta si mette in mostra grazie all’esposizione allestita fino al 3 luglio prossimo al Museo dell’Ara Pacis di Roma. Un percorso straordinario alla scoperta dei capolavori custoditi nel cuore pulsante della diplomazia, con circa un centinaio di opere d’arte selezionate in base ai periodi storici degli ultimi cento anni. Dai totem feroci di Mirko e Afro (Basaldelli) che dialogano con l’Amante morta di Arturo Martini, ai tre preziosi modellini d’auto Pininfarina, custoditi in una teca. Da Ottone Rosai, Filippo De Pisis e Fortunato Depero alle tele di Marotta, Notaro, Turcato, Vedova, a sottolineare il trionfo della creatività made in Italy che dà vita alla «Tonda», macchina dei gelati dotata di ogni comfort: bellezza, emozioni del colore ma anche funzionalità estrema. Colpiscono la poltrona Anemone di Giancarlo Zema, il Canapè Cactus di Maurizio Galante e il grande ovale Guzzini per i 150 anni dell’Unità d’Italia. E, ancora, la serie specchiante di Pistoletto che interagisce con il visitatore, le sedie Broadway di Gaetano Pesce, che dialogano con l’immaginario pop di Mimmo Rotella, e le tele di Sartorio sulla guerra, che invitano a riflettere sul nostro presente.

Acquisiti inizialmente a seguito di un concorso pubblico negli anni Settanta, i preziosi nel 2000 sono entrati a far parte della Collezione Farnesina, istituita sotto l’impulso dell’allora Ambasciatore Umberto Vattani, e che ad oggi conta circa trecento opere dei più grandi artisti italiani dell’ultimo secolo.
Accanto alle due collezioni di arte contemporanea e di design, l’esposizione permette di esplorare gli aspetti più sconosciuti del Ministero degli Affari Esteri che, per superficie, è secondo solo alla Reggia di Caserta. Dal colpo di piccone di Mussolini per la posa della prima pietra, ai successivi ripensamenti architettonici, realizzati in pochi giorni per compiacere il Duce.

«Non è una mostra sulla Farnesina, ma è la Farnesina che si mette in mostra», ha dichiarato il Ministro degli Esteri, Franco Frattini, spiegando il significato della mostra in concomitanza con il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia. «E’ la prima volta che dall’edificio che dal 1959 ospita il ministero degli Esteri, escono le opere d’arte appartenenti alla Collezione Farnesina e le installazioni della Collezione Farnesina Design».
Un’occasione unica, come l’ha definita il sindaco della Capitale Alemanno, un grande onore per Roma e i romani.

Il Palazzo della Farnesina e le sue collezioni
20 Maggio – 3 Luglio 2011
Roma, Museo dell’Ara Pacis

Valentina De Simone