Bersani: Su Fincantieri il governo ha fallito. Noi siamo con gli operai

Roma – Bersani risponde all’accusa di Berlusconi, circa la possibilità di parlare in tv: “Poverino diamogli tutti i tg”. Sul ballottaggio il leader del Pd mostra ottimismo: “Possiamo vincere”.

Il premier in tv – Dopo le sanzioni imposte dall’Agcom ai telegiornali che hanno mandato in onda l’intervista del premier, in barba alla legge sulla par condicio, Berlusconi si è scagliato contro l’organo di governo, accusandolo di volerlo zittire.
Il leader del Pd Bersani gli fa eco: “Non lo lasciano parlare? Poverino, se non parla abbastanza, venga questa sera a quattro, cinque tg. visto l’effetto che fa, glieli diamo tutti”.

Fincantieri: “Il governo ha fallito” – Bersani ricorda la situazione a Genova e Castellammare dove dall’ultimo piano industriale di Fincantieri sono previsti migliaia di esuberi: “Per Fincantieri serve subito un tavolo del governo con azienda e sindacati, politiche industriali, a partire dal sistema della cantieristica, investimenti delle committenze pubbliche, e serve assolutamente tenere viva una capacità produttiva”.
Lo ha detto il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, incontrando gli operai della Fincantieri di Monfalcone (Gorizia) davanti ai cancelli dello stabilimento isontino. Noi, ha continuato, aggiungeremo già dai prossimi giorni altre iniziative parlamentari oltre a quelle già prese nei mesi precedenti”.
Il governo ci ha abbandonato”, dice qualche operario di Fincantieri a Monfalcone, proprio dove si è recato il leader del Pd: “Noi siamo con voi e con i lavoratori di tutti gli altri stabilimenti e aggiungeremo già dai prossimi giorni altre iniziative parlamentari oltre a quelle già prese nei mesi precedenti”.

I ballottaggi Bersani si mostra molto ottimista sui risultati dei ballottaggi, sia a Milano che a Napoli, oltre che negli altri comuni.
Il primo turno l’abbiamo vinto ora si tratta di vincere al ballottaggio e io sono molto, ma molto fiducioso. E non solo per Milano. io sono convinto che i cittadini con serenità appoggeranno l’idea di cambiamento. Il tentativo di drammatizzare, di creare terrore, di sollevare problemi che non sono poi i problemi principali degli italiani sia stato un tentativo inutile e forse neanche molto intelligente, francamente. Gli italiani hanno la concretezza della vita che li chiama a parlare di lavoro, di redditi, di servizi, di come si amministra una città. e noi ci siamo messi al servizio di questo. Su questa linea stiamo ottenendo risultati molto buoni”.

Matteo Oliviero