Lamberto Sposini: ancora trepidazione e la famiglia chiede privacy

Le condizioni di Lamberto Sposini sono ancora stabili e , sebbene il peggio sembra essere scongiurato, la fase di recupero sarà lenta ma, si spera, progressiva.

Il bravissimo e amato giornalista, colpito da emorragia cerebrale il 29 aprile scorso e  sottoposto ad un delicato intervento per fermare l’emorragia, fu messo in coma farmacologico per consentirgli la graduale ripresa. Lamberto, ricoverato al Policlinico Gemelli di Roma, qualche giorno fa, si è svegliato dal coma, e da allora sono ancora più attesi i bollettini medici per conoscere i risultati delle tac e i progressi del giornalista…

Ma, in questa straziante attesa per familiari e amici che vivono quotidianamente accanto al loro amato Lamberto, la speranza è un altalenare di chiaro e oscuro che in alcuni momenti fa soffrire e in altri regala una timorosa gioia…

Per questo la famiglia ha chiesto che venga rispettata la privacy e ha disposto allo staff medico di diffondere bollettini solo in caso di significative variazioni del quadro clinico.

Nel frattempo si è saputo che l’ultima tac ala quale è stato sottoposto il presentatore di La Vita in Diretta, ha dato risultati confortanti che fanno ben sperare in una ripresa seppure lenta, del noto giornalista.

I piccoli miglioramenti di Lamberto Sposini vengono seguiti non solo dai suoi parenti, amici e colleghi che gli sono ogni giorno vicini, ma anche da chi ha imparato ad amarlo seguendolo in tv e che spera di poter presto avere delle ottime notizie sulle sue condizioni.

Le conseguenze dell’emorragia cerebrale non possono ancora essere stabilite ma il parziale recupero di coscienza è giàuno dei risultati sperati…

Lamberto non c’è ma io lo aspetto come spesso è accaduto prima di una diretta. Per me è solo in ritardo e spero che questo ritardo finisca presto” , sono state le parole di una commossa Mara Venier, co-conduttrice de La Vita in Diretta, e con lei sono in tanti ad aspettarlo!

Caterina Cariello