Lampedusa, salvati 347 profughi

850 arrivi in 24 ore. Proseguono senza soluzione di continuità gli arrivi di profughi sull’isola di Lampedusa. La Capitaneria di porto rivela che questa mattina attorno alle ore 5.30 è avvenuto lo sbarco di un natante che era stato avvistato già nel pomeriggio di ieri quando si trovava a circa 60 miglia dalla costa. La barca, contenente 347 persone, era in grosse difficoltà: per questo motivo il personale della Capitaneria, coadiuvato dalle Fiamme Gialle, gli ha prestato il necessario soccorso e l’ha aiutata a raggiungere Lampedusa. Nel giro di pochissime ore sono circa 850 i migranti arrivati sull’isola. Circa 50 sono invece riusciti a raggiungere Pantelleria.

10 giorni di tregua. Per diversi giorni gli arrivi di migranti sembravano essersi del tutto arrestati. Ma nel giro di 24 ore la situazione è divenuta di nuovo delicata, dal momento che complessivamente sono giunte sull’isola di Lampedusa circa 850 persone. Gli ultimi ad arrivare (347 unità) sono un gruppo di profughi di origine sub-sahariana, i quali hanno attraversato il Mediterraneo, partendo dalla Libia, utilizzando una barca in condizioni davvero precarie che era vicina ad affondare. Tra i nuovi arrivati ci sono 27 donne e un bambino. Tutti si trovano ospitati attualmente presso il centro di accoglienza di Contrada Imbriacola. Nel frattempo è emerso che molte delle ‘carrette del mare’ che in tutti questi mesi hanno permesso ai profughi di raggiungere le coste siciliane saranno distrutte nei prossimi giorni dagli uomini della Protezione Civile.

Gianluca Bartalucci