Napoli, morto il turista americano scippato qualche giorno fa

Vedi Napoli e poi muori. Oscar San Antonio Mendoza, aggredito brutalmente a Napoli il 18 maggio, non ce l’ha fatta. Dopo 9 giorni di tremenda agonia l’uomo è infatti deceduto ieri mattina attorno alle ore 12.30 a causa delle lesioni riportate al momento dell’aggressione.Mendoza, un 66enne di origini portoricane, era stato assalito insieme alla moglie mentre si trovava nel centro di Napoli per una breve escursione, dopo aver abbandonato la nave da crociera sulla quale stava viaggiando. Quel giorno gli aggressori, due uomini a bordo di uno scooter nero, avevano tentato di rubare il prezioso orologio Rolex che l’uomo teneva al polso. Durante il tentativo di scippo la vittima era stata trascinata per alcuni metri e aveva sbattuto la testa diverse volte, provocandosi le lesioni gravissime che, nonostante i tentativi dei medici, lo hanno ieri portato alla morte.

Un ex-parlamentare in vacanza. Mendoza, ex parlamentare portoricano di nazionalità americana morto ieri alle 12.30, stava visitando il Mediterraneo in crociera assieme alla moglie. La coppia è stata aggredita il 18 maggio scorso mentre si trovava nel centro di Napoli, precisamente lungo via Marina. I ladri avevano puntato l’orologio dell’uomo, un prezioso Rolex, e nel cercare di strapparglielo dal polso avevano fatto cadere a terra la vittima in maniera violentissima. I primi a soccorrere Mendoza erano stati due finanzieri che al momento del tentativo di scippo si trovavano in zona. Trasportato d’urgenza in ospedale, i medici lo avevano operato cercando di salvargli la vita. Ma non c’è stato nulla da fare. Dopo diversi giorni di agonia, l’uomo è deceduto nella giornata di ieri. Disperata la moglie, Ana Rivero, che si era augurata fino all’ultimo momento di poter tornare negli Stati Uniti assieme al compagno.

Gianluca Bartalucci