Domenica 5: Stefano Bettarini e la storia con Simona Ventura

Il calciatore si racconta in una intervista esclusiva con Federica Panicucci. Altra domenica in video per l’ex calciatore Stefano Bettarini che dopo aver chiuso la stagione del programma di Rai 2 ‘Quelli che il calcio’, approda per una intervista esclusiva in uno dei contenitori domenicali avversarsi e che gli ha dato filo da torcere durante l’anno lavorativo. Nel salotto di ‘Domenica 5’ Federica Panicucci è abile nel raccogliere una intervista fiume.

Le prime dichiarazioni riguardano la carriera da calciatore. Le squadre più amate ovvero Parma, Bologna e Sampdoria e i sacrifici sostenuti ma ripagati dalla convocazione in Nazionale nel 2004. Un coronamento arrivato in ritardo, ma proprio per questo ancora più bello. Bettarini non dimentica l’infanzia e nel parlare della fatica a scuola e della volontà del padre ringrazia i suoi genitori per aver insistito affinché si diplomasse e per averlo fatto comunque crescere a pane e calcio. L’aver lasciato lo sport che più ha amato lo porta, ancora oggi, ad interrogarsi sul perché ma le domande non nascondono rimpianti.

Dopo la carriera, sportiva e televisiva, Bettarini parla anche del rapporto con la sua ex moglie Simona Ventura e con tutta sincerità ammette il forte sentimento che li legava. I ricordi tornano quindi al momento del loro incontro: ‘Ci siamo conosciuti tramite il suo segretario che una sera mi invitò per presentarmi ad una sua amica, convinto del fatto che avremmo avuto qualcosa in comune nonostante io non ci credessi. Dopo quella sera non successe proprio nulla per ben un anno, quando poi in Sardegna lei mi notò mentre uscivo dall’acqua chiedendo al segretario chi fossi. E il segretario rispose ‘quello che non ti piaceva neanche tanto’’ Il racconto prosegue e Bettarini afferma: ‘Ero lì con amici e lei senza pensarci troppo invitò tutti e 12 a cena, compresa sua mamma, la quale capì subito le intenzioni di Simona e disse ‘Ho capito dove dorme il merlo!”. Una serata magica che ha portato ad una storia lunga due anni prima che i riflettori vi ponessero tutta la loro attenzione. Senza peli sulla lingua e con estrema semplicità il calciatore e conduttore racconta anche alcuni retroscena del matrimonio: ‘Nel ‘98 ci siamo sposati, le chiesi io la mano, anche se era chiaro il suo desidero, se Simona vuole una cosa se la prende, lei aveva 7 anni più di me, voleva diventare mamma e voleva una famiglia. Del matrimonio ricordo perfettamente il suo soprabito stile cappuccetto rosso, l’elicottero sopra il paese che doveva evitare scatti indiscreti affinché l’esclusiva del matrimonio fosse data a un solo giornale. Poi però scoprimmo che la fioraia, che aveva allestito la chiesa, si era messa d’accordo con un fotografo dandogli la possibilità posizionare delle microcamere tra i fiori e così le foto furono subito vendute’. Il loro amore è cresciuto insieme alle loro carriere e quando queste ultime hanno raggiunto il culmine i troppi impegni e le diverse esigenze hanno iniziato a far scricchiolare gli equilibri. Ora Bettarini si dichiara single e dice: ‘Io crederò sempre nell’amore, mi piace l’idea di potermi innamorare ancora, ma per adesso non è successo’. Ciò che però lascia a bocca aperta è la dichiarazione finale: ‘Se potessi tornare indietro, non mi separerei da Simona, ma a lei non l’ho mai detto. È stata l’amore più grande che ho avuto’ e aggiunge ‘Ma, allo stesso tempo, se potessi tornare indietro non la risposerei: 26 anni sono troppo pochi per sposarsi, avrei dovuto maturare un po’ prima di prendere una decisione così importante che presuppone una maturità che all’epoca non avevo’ !

Alessandra Solmi