Meduse e petroliere: l’incubo degli italiani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:24

Meduse e petroliere: l’incubo degli italiani. Paura delle meduse, delle petroliere, dell’inquinamento in generale, di chi guida senza cautela e degli squali. Sono queste le paure degli italiani a mare. A rivelarlo è  il primo Rapporto dal titolo ”Gli italiani, il mare e la blue economy” realizzato da IPR Marketing per la Fondazione UniVerdeuno di Alfonso Pecoraro Scanio e presentato a Slow Fish (a Genova).  Stanchi di sopportare i problemi che affliggono il paese, gli italiani sono più sensibili verso ciò che li circonda. <<C’é sensibilità al problema – ha dichiarato Alfonso Pecoraro Scanio – i disatri recenti sono un monito. Abbiamo lanciato un appello per una moratoria delle trivellazioni petrolifere nel Mediterraneo, a partire da quelle per le isole Tremiti, per le quali è stata autorizzata l’attività di ricerca. Se consideriamo che sotto i 1.000 metri è vietata la pesca perché considerata dannosa per l’ambiente, come dobbiamo giudicare la trivellazione? Non è molto piu’ grave? Noi chiediamo – ha concluso Alfonso Pecoraro Scanio – alle autorità italiane che si attivino perché il Mediterraneo diventi zona libera da trivellazioni e promuovano una conferenza internazionale per arrivare a una soluzione comune>>. Roberto Burdese presidente di Slow Food Italia e Silvio Greco, responsabile scientifico, hanno sottolineato come la realtà sia in verità un poco migliore della percezione <<perché l’ inquinamento è diminuito un po’ negli ultimi anni anche se ci sono ancora troppe fonti di stress>>.

L’inquinamento la paura più grande. Il 42% degli italiani teme i problemi causati dall’inquinamento, mentre meduse e gli irresponsabili alla guida sono temuti dal 24% e dal 17%. Gli italiani, sono molto attenti all’ambiente e al futuro. Il petrolio trasportato via mare e le trivellazioni dalle piattaforme sono al centro dei pensieri di chi si tuffa per una nuotata e magari si sporca un piede di catrame. Le petroliere sono la minacia maggiore e il 65% degli italiani ha paura di loro, mentre il 64% si dichiara contrario alle trivellazioni. Gli italiani, sono stati allertati soprattutto dai tanti rifiuti che hanno visto nell’ultimo anno in acqua: buste di plastica per il 59%, rifiuti galleggianti per il 40%, cicche di sigarette per il 27%, liquidi galleggianti per il 19%. Il 2% degli intervistati ha anche visto delle batterie.

Daniela Ciranni