Omicidio Sarah Scazzi, colpo di scena: Michele Misseri fuori dal carcere

Scarcerato Michele Misseri. Potrebbe uscire in serata dal carcere di Taranto Michele Misseri, lo zio di Sarah Scazzi, in carcere dal 7 ottobre dell’anno scorso. Il gip del Tribunale di Taranto, Martino Rosati, ha infatti accolto la richiesta di scarcerazione presentata dal difensore di Misseri, raggiunto proprio in questi giorni in carcere dalla moglie Cosima Serrano, accusata insieme alla figlia Sabrina dell’omicidio (la prima per concorso morale e la seconda nel ruolo di esecutrice materiale) di Sarah Scazzi, la 15enne di Avetrana barbaramente uccisa lo scorso 26 agosto.

Cosima e Sabrina in silenzio davanti al gip. Misseri, ora accusato solo di soppressione di cadavere in concorso con moglie e figlia, non sarà sottoposto agli arresti domiciliari. Forse avrà solo l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Cosima Serrano e Sabrina Misseri si sono avvalse, invece, della facoltà di non rispondere davanti al gip del Tribunale di Taranto Martino Rosati che questa mattina si è recato nel carcere del capoluogo jonico per gli interrogatori di garanzia separati, insieme agli inquirenti della Procura della Repubblica e agli avvocati delle due donne, dopo la nuova ordinanza notificata a madre e figlia giovedì scorso nell’ambito dell’inchiesta sul delitto della nipote 15enne.

R. E.