Trovate foto inedite di Marilyn Monroe in un mercatino

Quand’è che la biondissima diva dallo sguardo meravigliosamente malinconico smetterà di far parlare di sé? Nata sotto il segno eclettico e cerebrale dei gemelli, Marilyn Monroe avrebbe compiuto ottantacinque anni il prossimo mercoledì. Probabilmente il suo compleanno non sarebbe ugualmente passato inosservato, ma la notizia che arriva dagli Stati Uniti non farà altro che porre una lente d’ingrandimento fra l’occhio più o meno vigile della popolazione ed il prossimo primo giugno. Il fotografo americano Anton Fury trovò negli anni ottanta, presso un mercatino, dei negativi di alcuni scatti. È facile immaginare lo sgomento dell’uomo quando scoprì di aver acquistato per appena due dollari delle fotografie inedite della diva delle dive, quella che cantava “Happy Birthday Mr. President” a John Fitzgerald Kennedy.

Anton Fury ha deciso di rendere pubbliche tali immagini, ovviamente in bianco e nero, solamente oggi. La scorsa settimana, il fotografo statunitense è andato a far visita a David W Streets, commerciante d’arte che possiede un archivio intero dedicato a Marilyn Monroe. L’esperto non ha alcun dubbio circa l’autenticità degli scatti: le sue ipotesi lo portano a credere che si tratti di immagini risalenti al periodo in cui la bella attrice aveva circa ventiquattro anni. Secondo lui la giovane Marilyn che appare negli scatti ritrovati dal fortunato Anton Fury aveva appena fatto il taglio di capelli che l’avrebbe resa celebre.

Chi è l’autore degli scatti? Non vi sono elementi sufficienti per poterlo dire, ma gli esperti hanno ipotesi a riguardo. Insieme ai negativi delle fotografie di Marilyn, Anton Fury ne acquistò, a suo tempo, degli altri la cui protagonista è Jayne Mansfield. Un uomo appare nelle foto che ritraggono entrambe le attrici: che sia lui l’autore degli scatti? Nell’attesa che si faccia chiarezza sulla faccenda, ci si può godere tali fotografie sul sito della Cnn, e, se ci si crede, si può strizzare un occhio al cielo per fare gli auguri ad una donna che è l’esempio eclatante del fatto che i luoghi comuni sono spesso un concentrato di menzogne, e che le bionde possono fingere d’essere sciocche, ma che molte di loro non lo sono affatto.

Martina Cesaretti