Calciomercato Palermo: ufficiale, Delio Rossi lascia i rosanero. Arriva Pioli?

Calciomercato PalermoDelio Rossi saluta Palermo. Dopo una stagione travagliata caratterizzata dall’esonero dopo lo 0-7 casalingo subito dall’Udinese, dal richiamo in panchina al posto di Serse Cosmi e dalla finale di Coppa Italia persa per 3-1 contro l’Inter, il tecnico riminese ha risolto consensualmente il contratto che lo legava con il club di Zamparini. Rossi sarà sostituito probabilmente da Stefano Pioli, il cui ingaggio dovrebbe essere ufficializzato nei prossimi giorni. L’ex tecnico del Chievo, 46 anni il prossimo ottobre, glissa in attesa di mettere tutto nero su bianco, ma la scelta ormai è stata fatta e si legherà al Palermo per le prossime due stagioni. La squadra rosanero nella stagione 2010-11 ha avuto nella difesa un vero e proprio tallone d’Achille. Solo in campionato le reti subite sono state 63, seconda difesa più battuta dopo quella del Lecce. Il Chievo, di contro, ha chiuso la stagione con la quarta miglior retroguardia alle spalle di Milan, Napoli e Lazio. Non è quindi un caso che il presidente del Palermo Maurizio Zamparini si stia muovendo per rinforzare il reparto arretrato, possibilmente ricavando capitali da una cessione importante.

Bovo addio? – Tra i nomi dei partenti negli ultimi giorni figurava anche quello di Cesare Bovo, un’ipotesi parzialmente smentita dalle parole di Franco Zavaglia, agente del giocatore, sul futuro dei proprio assistito, alla trasmissione Unico Grande Amore in onda su TeleRadioStereo: “Mi aspetto operazioni di rilievo in funzione del mercato legato alle società italiane. Anche se non ci sono le possibilità economiche dei club spagnoli e inglesi, anche da noi ci saranno cambi di maglia eccellenti. Bovo ha altri due anni di contratto, il fatto che Delio Rossi non sia più l’allenatore del Palermo non significa che Cesare andrà via. Ritengo ci siano tutti i presupposti per la sua permanenza a Palermo. Per il futuro non escludo nulla, neanche la Roma, anche se a oggi non mi risulta nulla in proposito. E prima di tutto bisogna, in questo caso, conoscere il nome del nuovo allenatore, e poi capire se Bovo possa rientrare nei suoi piani. Purtroppo oggi abbiamo appreso che esiste un nuovo capitolo legato al calcio scommesse. Ovviamente dobbiamo aspettare l’esito dell’inchiesta, ma fa male che il calcio italiano sia di nuovo ricaduto in questa trappola“.