Michele Misseri shock: Io colpevole? Fanno tutto i magistrati

Michele Misseri sempre meno credibile. Suscitano ancora una volta clamore e sorpresa le dichiarazioni di Michele Misseri, lo zio della piccola Sarah Scazzi, la 15enne di Avetrana barbaramente uccisa lo scorso 26 agosto. L’uomo, da qualche giorno fuori dal carcere di Taranto in cui si trovano invece la moglie Cosima e la figlia Sabrina entrambe accusate di concorso in omicidio e soppressione di cadavere, uscendo poco fa dalla sua abitazione di via Deledda per curare le piante del giardino, si è intrattenuto qualche istante con i giornalisti che dal giorno della sua scarcerazione presidiano la villetta. “Quando porterai un fiore sulla tomba di Sarah?“, ha chiesto un cronista fermo al cancello. “Non è ancora il momento. Ma ci andrò quando uscirà il colpevole” è stata la sorprendente risposta di zio Michele, che in una intervista rilasciata in esclusiva alle telecamere di ‘Matrix‘ il giorno dopo la sua scarcerazione ha ammesso per l’ennesima volta di essere l’autore del delitto della nipote, persino descrivendo nei minimi dettagli la scena dell’omicidio.

‘Stanno facendo tutto loro’. Scontata, a questo punto, la reazione dei giornalisti che hanno chiesto: “Ma allora, Michele, non sei tu il colpevole?“. Misseri in un primo momento è restato in silenzio, ma poi, riferendosi ai magistrati, ha dichiarato: “Stanno facendo tutto loro“. Una risposta inaspettata che non fa altro che moltiplicare i già troppi interrogativi a cui gli investigatori ancora non riescono a dare risposte certe e che ha provocato la furia della figlia Valentina, l’unica componente della famiglia Misseri a non essere finita in carcere per il delitto di Sarah. Accortasi del dialogo tra Misseri e i cronisti, Valentina è uscita di corsa in giardino e, dopo aver inveito contro la troupe televisiva assiepata davanti al cancello, ha portato via il padre.

Legali Scazzi: Pantomima di Misseri è irritante e stomachevole. “La pantomima di Michele Misseri è stomachevole ed irritante. Non permetteremo più che si consenta al medesimo di replicare in questa volgare mortificazione della memoria di Sarah e del dolore dei suoi familiari, sollecitando l’intervento della competente Autorità”. Con queste parole i legali della famiglia Scazzi, Nicodemo Gentile e Walter Biscotti, protestano contro l’intervista shock rilasciata a Matrix, con cui Michele Misseri il giorno dopo la sua scarcerazione ha cercato di addossarsi ogni responsabilità nell’omicidio della 15enne Sarah. “Le dichiarazioni di Misseri – spiegano i legali – integrano infatti gli estremi del reato di autocalunnia. Con atto formale, chiederemo pertanto alla Procura della Repubblica di Taranto di procedere nei confronti di Michele anche per questo ulteriore grave fatto”.

R. E.