Ritorna alla Scala di Milano “Roméo et Juliette” di Charles Gounod

Da Shakespeare a Charles Gounod, “Roméo et Juliette” torna, dal 6 al 23 giugno, al Teatro alla Scala di Milano, nell’allestimento di Bartlett Sher e la direzione del trentaseienne maestro franco-canadese Yannick Nezet-Seguin, al suo debutto scaligero. Già presentata al Festival di Salisburgo, l’opera, dopo ben settantasette anni,  riporta sul palco del Piermarini una delle storie d’amore più celebri di tutti i tempi, in una versione che, con un perfetto equilibrio formale, coniuga la leggerezza francese e il calore del repertorio italiano. Protagonisti del dramma shakespeariano, riadattato in tragedia lirica da Gounod nel 1867, il ventottenne soprano georgiano Nino Machaidze e il trentaquattrenne tenore italiano Vittorio Grigolo, in cartellone per sei delle sette repliche.

«Credo siano la coppia di scena ideale per quest’opera – ha spiegato il maestro Nezet-Seguin, nel corso della conferenza stampa di presentazione -. Devono affrontare addirittura quattro duetti, in un crescendo musicale molto interessante che è anche la differenza principale con la tragedia di Shakespeare». «Il personaggio di Juliette è complesso e completo, ha sia aspetti drammatici che festosi ed ogni volta ne scopro nuove emozioni e nuove sfumature», ha commentato Machiaidze che quest’estate interpreterà lo stesso ruolo anche all’Arena di Verona, in un allestimento differente dell’opera. «Anche il personaggio di Romeo ha una vasta gamma di sfumature che impongono di ripescare nei propri ricordi di giovinezza – le ha fatto eco Grigolo – Per questo ho cercato di assimilare la parte con mesi di anticipo, con l’obiettivo di raggiungere una fresca armonia fra fisicità e voce».
Ad arricchire il giovane cast, l’esperienza del regista americano Bartlett Sher, con una messa in scena esplosiva, complessa, densa di fisicità e azione.
La scenografia richiama l’essenzialità di una piazza veronese mentre i costumi spostano la vicenda avanti nel tempo, dal sedicesimo al diciottesimo secolo, per infondere all’ormai celeberrima storia degli innamorati, un tocco in più di poesia e malinconia.

Roméo et Juliette
Charles Gounod
Teatro alla Scala di Milano
dal 6 al 23 Giugno 2011
Cantato in francese con videolibretti in italiano, inglese, francese

Valentina De Simone