eDreams, Opodo e Go Voyages: nasce un nuovo polo dei viaggi online

Con l’autorizzazione della Commissione europea dello scorso primo giugno nasce un nuovo importante polo nel settore dei viaggi online. L’autorizzazione dell’Ue, infatti, da il via libera ad un’ importante operazione di fusione che consente ai gruppi eDreams, Opodo e Go Voyages di concentrare le proprie forze in un settore, quello dei viaggi, sempre più online.

L’ok della Commissione. La Commissione europea ha approvato, ai sensi del regolamento Ue sulle concentrazioni, la costituzione di una joint venture tra la francese Axa e l’impresa di equity Permira, per la fusione delle rispettive controllate, le agenzie di viaggio online GO Voyages e eDreams, e finalizzare l’acquisizione di Opodo, che, come si apprende da un comunicato di eDreams, “sarà integrato per creare un grande gruppo di viaggi europeo”. eDreams, Go Voyages e Opodo continueranno ad operare con marchi indipendenti nei propri mercati.
Con questa operazione, spiega la Commissione, andrà a costituirsi una delle principali imprese europee nel settore viaggi e, visto l’ok ricevuto pochi giorni fa, l’organo garante della concorrenza Ue non ha avuto evidentemente nulla da eccepire a tal proposito in quanto l’operazione non minerebbe l’equilibrio concorrenziale sul mercato. Secondo la Commissione, infatti, la fusione non va a sbilanciare eccessivamente gli equilibri attuali, tanto meno in Italia e Francia ove l’effetto sarà più rilevante.

Nessuna riserva alla fusione. La Commissione ha rivelato che le agenzie di viaggio online (“online travel agency” o “OTA”) e i siti Internet delle compagnie aeree competono tra loro per la vendita di voli turistici in Rete.
La joint venture dovrà confrontarsi con compagnie aeree quali Air France, Alitalia, Windjet, easyJet e Ryanair, oltre che con altre OTA come Expedia e Bravofly/Volagratis. Sulla base di queste constatazioni, la Commissione ha concluso che l’operazione non solleva riserve sotto il profilo della concorrenza.
Il completamento dell’operazione dovrebbe avvenire delle prossime settimane.

M.N.