Scajola: Basta con il Pdl, cambiamo nome e uniamoci all’Udc

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:29

Roma Dopo la nomina di Alfano a coordinatore del Pdl oggi è intervenuto Scajola: “Cambiamo nome e simbolo, con Angelino si apre un’altra fase. Solo Berlusconi può riuscire a fondare il nuovo partito“.

Scajola: “Cambiare nome” – Basta con il Pdl, buttiamo via questo nome e questo simbolo! Dopo la sberla che abbiamo preso inventiamoci qualcosa di nuovo, costruiamo un percorso di lungo respiro“. Questo è il consiglio sul futuro del Pdl dell’ex Ministro Scajola. Dopo la dura sconfitta elettorale sono in molti a proporre idee sul futuro della maggioranza, sempre in attesa che si pronunci la Lega nei prossimi giorni.
La base leghista è infatti stufa dell’alleanza con Berlusconi, e potrebbe recarsi in massa alle urne al referendum per dare un ulteriore spallata al premier.
Giudica buona la mossa della nomina di Alfano: “Finalmente con Alfano si chiude questa fase insopportabile di provvisorietà, usciamo dal 70-30, dai numeri uno e numeri due, dalle nomine calate dall’alto, dalla mancanza di luoghi di confronto”.
” Ma è chiaro che il Pdl è un partito di centrodestra, non di destra, ed è necessario d’ora in avanti avere come bussola questo sentimento maggioritario tra i nostri elettori”. 

L’alleanza con l’Udc – “È evidente che Alfano ora debba lavorare al vero partito dei moderati. Una casa che riunisca tutti quelli che in questi anni si sono allontanati e che punti all’unità con chi oggi siede sui nostri stessi banchi al parlamento europeo”. Così Scajola evidenzia la necessità di spostare l’asse verso il centro e in particolare verso l’Udc, le cui percentuali alle elezioni potrebbero far gola al Pdl.
Scajola dice di non aver ancora parlato con Casini circa una possibile alleanza, ma il contatto secondo lui risulta necessario per costruire una nuova maggioranza.

Matteo Oliviero

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!