Roma, usa gas per scassinare supermercato: muore per l’esplosione

Probabilmente lo avevano considerato un colpo ben concepito: distruggere la cassa continua del market utilizzando del gas così da poter poi accedere al denaro contante. Ma il piano è saltato in aria e con esso anche, nel vero senso della parola, uno dei tre ideatori del tentato furto al supermercato Pewex di via Ferdinando Maria Poggioli, ne quartiere Montesacro Alto a Roma. Il ragazzo – secondo l’agenzia stampa Ansa, si tratterebbe di un ventenne di origini nomadi, nonostante ancora si debba risalire alla sua identità – è morto all’ospedale Sandro Pertini, dopo esservi arrivato in gravi condizioni.
L’incidente è avvenuto nella notte scorsa.

Gas – Stando alle prime ricostruzioni effettuate dalle forze dell’ordine, che hanno fatto affidamento anche alla registrazioni delle telecamere a circuito chiuso, tre giovani a bordo di un auto, intorno alle 3 di notte, hanno sostato davanti al supermercato e poi, per mezzo di un tubo lungo trenta metri, hanno introdotto dell’acetilene all’interno dei locali. Ma nel corso dell’operazione qualcosa, evidentemente, è andato storto, scatenando un’esplosione che ha travolto la vittima.
Gli altri due complici, dopo aver tentato di dare i primi soccorsi, si sono dileguati a bordo dell’automobile che però dovrebbe essere rimasta danneggiata dal ritorno di fiamma. Ed è anche in questo particolare che gli inquirenti che si occupano del caso confidano per poter risalire all’identità dei due ricercati.

S. O.