Calciomercato, il giro di valzer degli allenatori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:22

La stagione 2011/2012 si aprirà sicuramente con delle novità inaspettate e soprattutto su larga scala. Sono state tantissime le panchine cambiate in questo precalciomercato: le trattative, infatti, si apriranno ufficialmente il primo di luglio, ma da quando è finito il campionato il valzer, soprattutto quello degli allenatori, è stato sicuramente il più clamoroso degli ultimi anni. Vediamo nel dettaglio cosa è cambiato.

La Champions conferma – Sono solo le prime quattro della classe a confermare il proprio allenatore quasi per premiare l’impresa Champions di alcuni, o la conferma della competizione europa per altri. Milan, Inter, Napoli e Udinese, anche se i partenopei hanno tremato per un po’, hanno confermato la loro fiducia rispettivamente a Massimiliano Allegri, Leonardo, Walter Mazzarri e Francesco Guidolin. Un’altra conferma è stata quella di Sinisa Mihajilovic sulla panchina della Fiorentina: un progetto che, quindi, ha convinto i Della Valle che vogliono continuare col serbo.

Addi e fallimenti – Molti sono stati gli addii, come quello di Luigi De Canio, che a Lecce si sentiva troppo stretto, o come quello di Massimo Ficcadenti, che dopo l’impresa col Cesena ha pensato fosse giusto cercare una panchina più ambiziosa: fino ad ora, però, entrambi sono rimasti senza un posto fisso, come il Lecce che ad oggi è senza allenatore. Il Cesena invece ha subito ripiegato su Marco Giampaolo, ex del Catania, che ora punta uno tra Vincenzo Montella e Vincenzo Torrente, ex del Gubbio. Intanto l’ex romanista è stato malamente scaricato dalla sua società, presa a gennaio dopo l’addio di Ranieri e portata fino in Europa League: al suo posto arriva Luis Enrique, ex secondo di Pep Guardiola e allenatore del Barcellona B. Il fallimento, invece, si attribuisce sicuramente a Luigi Delneri: un allenatore che nelle big non ha mai colpito – pensare a Roma e Porto – e che non fa tesoro dell’esperienza. Restando a Genova probabilmente avrebbe evitato due sfracelli: il suo e quello doriano, e magari anche quello di Antonio Cassano.

Il colpo di scena – Intanto si aspetta il colpo che possa scuotere un po’ gli animi: Carlo Ancelotti ha annunciato il suo anno sabatico, la Sampdoria ha scelto Gianluca Atzori per tentare la risalita nella massima categoria, il Torino si affida a Giampiero Ventura scaricando Lerda, il Siena andrà in Serie A con Giuseppe Sannino, ex del Varese, e l’Atalanta confermerà Stefano Colantuono. Quindi allenatori come Gigi Delneri, i già citati Luigi De Canio e Massimo Ficcadenti, e l’inaspettato disoccupato Delio Rossi, dove andranno nella prossima stagione? Sicuramente potrebbero rappresentare la scelta giusta da fare in corsa, dopotutto il Napoli insegna: Mazzarri era rimasto a secco di panchine a settembre e dopo un anno e mezzo ha insidiato lo scudetto.

Mario Petillo

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!