MotoGP, Gran Bretagna: vince un imbattibile Stoner. Sesto Rossi, Simoncelli out

MotoGP, Gp Gran Bretagna – Intoccabile, inarrivabile, invincibile. Casey Stoner ha segnato un’altra vittoria con una freddezza ed abilità impressionante, talento sopraffino e concentrazione assoluta. Il  Casey targato Repsol pare essere una evoluzione di quella furia rossa che ha dato gioie e dolori ai ducatisti. L’impressionante velocità è rimasta tale, impreziosita però da una tranquillità interiore e feeling con la moto di altissimo livello. Una alchimia che pian piano li sta permettendo di conquistare il secondo iride. Questi 25 punti, più il clamoroso ritiro di Jorge Lorenzo causa entrata in curva ad eccessiva velocità, li permettono di riprendere la testa del campionato e distanziare anche gli altri in un colpo solo. Il giusto premio per un pilota costantemente sul filo della perfezione, davanti a tutti e lanciato verso nuove glorie.

Peccato per Sic – Un incubo per i suoi inseguitori, costretti a tirare al limite già dopo pochi giri ma bravi a non arrendersi mai. Dovizioso termina secondo dopo aver provato a tenere dietro sia Stoner che l’odiato rivale Simoncelli. Ma se con l’australiano non c’è stato nulla da fare, a metà Gran Premio la lotta tra i due italiani stava davvero riscaldando il freddo clima di Silverstone. Marco ha provato più di una volta l’assalto alla seconda piazza, ma Dovizioso riusciva sempre ad avere un qualcosa in più in frenata sino al colpo di scena. Mentre Andrea rimane concentrato ed attento agli errori, Marco viene tradito dalla sua Honda bianca, scappata via appena messe le gomme sopra una chiazza di umido e costringendo il capelluto pilota all’ennesimo ritiro. Un altro risultato negativo che non rispecchia le sue abilità e il potenziale della RC212V.

Classifica – Giornata particolare per le Yamaha, a podio con il superstite Edwards ma con entrambi i piloti ufficiali ritirati (si sospetta un infortunio per l’americano Spies).  Mezzo sorriso per Ducati, con Hayden quarto autore del giro più veloce e Valentino sesto. Dopo le disastrose libere e qualifiche difficilmente si poteva immaginare un Rossi davanti ad Abraham e Barbera, eppure il campione di Tavullia è riuscito ad avere un ritmo gara leggermente più competitivo, salvando in extremis un week-end comunque eccessivamente difficile e da dimenticare il più in fretta possibile. Capirossi ancora una volta costretto nelle retrovie. Ora una settimana di pausa prima di ritornare in pista, anche se per battere questo Stoner ci vuole ben altro del mero tempo. A seguire la classifica finale:01)Casey Stoner 02)Andrea Dovizioso 03)Colin Edwards 04)Nicky Hayden 05)Alvaro Bautista 06)Valentino Rossi 07)Karel Abraham 08)Toni Elias 09)Hiroshi Aoyama 10)Loris Capirossi 11)Hector Barbera 12)Randy De Puniet

Riccardo Cangini