Lamberto Sposini, le condizioni sono stabili

Migliorano le condizioni di Sposini.  Sono stabili le condizioni di Lamberto Sposini, ancora ricoverato al Policlinico Gemelli di Roma dopo l’emorragia cerebrale che lo scorso 29 aprile lo ha ridotto in fin di vita. Dopo l’ultimo bollettino medico diramato lunedì scorso i fans e coloro che da vicino hanno seguito le sorti del noto giornalista attendono un nuovo bollettino.  Le recenti analisi a cui Sposini è stato sottoposto, hanno infatti dato esiti molto positivi e i medici hanno deciso di sciogliere la prognosi, in considerazione delle buone condizioni cardiorespiratorie e metaboliche del giornalista. Quanto emerso dalle parole dei professori Giulio Maira e Rodolfo Proietti, che seguono il conduttore fin dall’inizio, sembra dipingere un quadro meno fosco di quello apparso negli ultimi 10 giorni.

Un recupero lungo e graduale. Stando alle ultime notizie diffuse, comunque, il popolare conduttore tv e giornalista è ormai fuori pericolo e i medici sembrano ottimisti, anche se è presto ancora per valutare e quantificare i tempi di un suo recupero. La cosa importante, però, è che si sia scongiurato il pericolo di una eventuale perdita di memoria del giornalista, pericolo che si era fatto largo nei giorni subito successivi al tragico incidente quando la compagna Sabina Donadio, in un sms inviato all’amica e parlamentare Pdl Melania Rizzoli e reso poi pubblico dalla stessa parlamentare, aveva detto che “Lamberto non riconosceva nessuno”. Fortunatamente, dall’ultimo bollettino medico diramato la settimana scorsa si legge chiaramente che la situazione in campo neurologico sta progressivamente migliorando. La memoria di Sposini è invece preservata: per il conduttore de “La vita in diretta si prospetta adesso un lungo e graduale periodo di riabilitazione. Lamberto Sposini continuerà la terapia riabilitativa presso il reparto di Terapia Intensiva del Policlinico universitario.

Adriana Ruggeri