Quorum al referendum: affluenza sopra il 57%, dominano i sì

Quorum pieno al referendum: affluenza sopra il 57%, vittoria dei sì. I promotori dei referendum possono finalmente festeggiare per il raggiungimento del quorum e la schiacciante vittoria dei sì. Il dato definitivo sull’affluenza alle urne rilevato dal sito del Ministero degli Interni è di oltre il 57%. A essere chiamati al voto sono stati più 50.418.848 italiani, di cui 3.300.496 residenti all’estero e 47.118.352 (22.604.349 maschi e 24.514.003 femmine) in Italia. Dominano i sì ad inizio scrutinio con percentuali che si aggirano per tutti i quattro quesiti attorno al 95%.

Affluenza per ogni singolo referendum. E’ stata del 57,06% l’affluenza per il quesito referendario n. 1, con cui si chiedeva l’abrogazione di norme relative alle modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Ha votato, invece, il 57,09% per il quesito referendario n. 2, con cui si chiedeva l’abrogazione parziale della norma per la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito. E’ stata del 57,04% l’affluenza in Italia per il quesito referendario n. 3, con cui si chiedeva l’abrogazione parziale di norme relative a nuove centrali per la produzione di energia nucleare. Infine, ha votato il 57,05% degli aventi diritto in Italia per il quesito referendario n. 4, con cui si chiedeva l’abrogazione di norme in materia di legittimo impedimento del presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale. Lo si rileva dal sito del Viminale.

Il quorum ai precedenti referendum. Nel ’74, al referendum pro o contro il divorzio (voto in due giornate, 12 e 13 maggio, senza gli italiani residenti all’estero) si toccò la percentuale record dell’ 87,7%. L’11 e il 12 giugno ’78, sia il referendum sull’ordine pubblico sia quello relativo al finanziamento pubblico dei partiti (stesse modalità di voto) fecero registrare un’affluenza dell’81,2%. Il 17 e 18 maggio ’81 i cittadini furono interpellati sull’aborto (e su questioni attinenti all’ordine pubblico, l’ergastolo, il porto d’armi) e anche in quell’occasione fu raggiunto il quorum col 79,4%. Nel 1985 (9 e 10 giugno) sull’indennità di contingenza (la scala mobile) il dato finale fu del 77,9%. Cinque anni fa, il 25 e 26 giugno, anche il referendum per l’approvazione della legge di modifica alla parte seconda della Costituzione (voto solo in Italia) raggiunse il quorum col 53,8%.

R. E.