Referendum: Il Pd: Ora dimissioni del governo. Maggioranza: Non è un test politico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:51

Referendum – L’obiettivo Quorum è stato raggiunto. La linea del governo è stata bocciata. L’opposizione compatta chiede le dimissioni di Berlusconi. Dalla maggioranza: “Non è un voto politico”. Riunione della Lega dopo l’esito del voto.

L’opposizione: “Ora dimissioni” – Il primo commento sull’esito ormai scontato del voto referendario è di Rosy Bindi: “Il dato prima che politico è culturale e molto significativo. Non credo che si sia votato sull’onda dell’emotività, ma c’è stata una grande mobilità, soprattutto sull’acqua e sulla legalità. Penso che questo risultato sia il frutto di questa onda civica ed etica che si è messa in moto nel Paese; non si è votato solo contro queste 4 brutte leggi del governo alle quali ci siamo opposti e poi il significato politico l’ha messo la maggioranza, con Berlusconi che anche questa volta non ce l’ha fatta a non metterci la faccia“.
Bersani ha invece indetto una conferenza stampa per oggi pomeriggio a Roma per commentare i risultati delle urne, che dopo le elezioni amministrative hanno ancora una volta mostrato un chiaro segnale al governo.
Dall’Idv: “Gli italiani hanno detto un ‘no’ forte e chiaro all’invito al non voto di Berlusconi e Bossi. L’Italia si è stancata delle parole del premier“. Questo il primo commento all’esito del referendum da parte dell’Idv, che parla attraverso il suo portavoce Leoluca Orlando.
Mentre Di Pietro ringrazia i comitati e aggiune: “Sono orgoglioso, dopo il dovere svolto da magistrato con Mani pulite, di aver con il referendum fatto qualcosa di importante per il mio paese“.

Vendola: “Grande risultato” –Non è un referendum su Berlusconi ma lo è certamente sul berlusconismo“: dice il leader di Sinistra, Ecologia e Libertà, Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, commentando l’esito dei referendum e rispondendo a chi gli chiedeva se fosse corretto collegarlo all’esito delle recenti amministrative. Oggi vince l’Italia dei beni comuni, perde l’Italia delle lobby“.

Anche il Terzo Polo chiede le dimissioni –La grande partecipazione popolare ai referendum dimostra la volontà degli italiani di tornare ad essere protagonisti: è ormai chiaro che la maggioranza e il governo sono totalmente sordi, incapaci di capire ciò che vogliono gli italiani“. Lo scrivono in una dichiarazione comune Fini, Casini e Rutelli, al termine di un vertice del Terzo Polo. “Nel raggiungimento del quorum è stato determinante il Terzo Polo, con la decisione di invitare tutti al voto al di là delle scelte di merito che consapevolmente rivendichiamo. Il sì ai referendum è un no grande come una casa a questo governo. E’ tempo che Berlusconi ne prenda atto. Minimizzare, come ha fatto dopo le amministrative, sarebbe irresponsabile e dannoso per gli interessi nazionali“.
Bocchino invita Berlusconi a dimettersi: “Il risultato dei referendum parla chiaro e rappresenta una ulteriore e sonora bocciatura di Berlusconi. Ora il governo dovrebbe dare dimissioni utili a chiarire il quadro politico“.

Maggioranza: “La linea del governo non cambia” – Dopo la batosta elettorale alle ultime amministrative, la maggioranza deve digerire anche quest’ennesima sconfitta.
Scajola, l’ex Ministro dimissionario, ammette il segnale da parte degli Italiani: “Questi referendum hanno dato due indicazioni, una sul piano politico e una sul merito. Sul piano politico si tratta di un segnale di forte disagio che l’opinione pubblica dimostra verso chi governa, perché così erano orientati i referendum. Credo che noi si debba lavorare in tempi celeri al di là delle persone per rimettere insieme il popolo del centrodestra e dei moderati, uscendo da alcuni accenti estremi”.
La Russa precisa: “Se non si fosse raggiunto il quorum sarebbe stato un grande boomerang per la sinistra che ha politicizzato l’appuntamento elettorale. Ma il fatto che il quorum sia stato raggiunto non cambia nulla per il governo“. Nessun commento per ora da parte dei leghisti, Tremonti e lo stesso Berlusconi.

Matteo Oliviero

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!