Michele Santoro: Signori entra il lavoro. Tutti in piedi.

“Signori entra il lavoro. Tutti in piedi”. Michele Santoro presenterà l’evento organizzato dalla Fiom, per i 110 anni del sindacato, il 17 giugno prossimo alle 21.00, a Bologna, al parco di Villa Angeletti.

Si ripete Raiperunanotte. Con tale serata multipiattaforma Santoro vuole bissare il successo di Raiperunanotte del 25 marzo 2010 che andò in onda come contro risposta al bavaglio imposto ai talk show politici della Rai durante la campagna elettorale delle elezioni regionali del 2010.

L’appello di Santoro. Sul sito web dell’evento si legge: ‘Cari amici, questa volta ci diamo un obiettivo ancora più difficile rispetto a quello che raggiungemmo con Raiperunanotte. Infatti abbiamo solo pochi giorni per organizzare la nostra trasmissione-manifestazione ‘Tutti in piedi’… Con Tutti in piedi Santoro vuole dimostrare che “per quanto cerchino di ridurre gli spazi di libertà niente potrà più impedirci di manifestare il nostro pensiero, niente potrà fermare il ritorno in scena del lavoro con la sua richiesta di dignità e di libertà.”

Come si svolgerà la serata. All’evento, che sarà gratuito ma che potrà essere finanziato liberamente con una sottoscrizione attraverso PayPal o con una donazione, parteciperanno ospiti d’eccezione dal mondo dello spettacolo, della cultura, del lavoro e del precariato, oltre a Vauro e Serena Dandini che condurranno la serata insieme a Santoro, Marco Travaglio, Daniele Silvestri, Max Paiella, i Subsonica, Teresa De Sio, Maiurizio Crozza e tanti altri. La trasmissioni potrà essere vista in diretta si Internet ma anche sul digitale terrestre e su alcune tv satellitari.

L’obiettivo di Santoro. E così, a soli tre giorni dall’evento e dopo qualche giorno dall’abbandono della Rai, Santoro si pone un altro e grande obiettivo che ancora una volta attende grande risposta dal pubblico. Valentina Vitale, della redazione di Annozero, ha così dichiarato: “La bellezza della serata è che per la prima volta troveremo insieme artisti e lavoratori tutti uniti per discutere della situazione sociale, politica ed economica che vive il nostro paese”.

Caterina Cariello