Usa: i repubblicani iniziano la corsa alla Casa Bianca

Negli Usa la corsa alla Casa Bianca è già partita. Il via lo ha dato uno slogan che gira ossessivamente nella rete e per le strade statunitensi: “Sono americano, non sono una cunetta per la strada”. E’ il mantra che il repubblicano Mitt Romney ha tirato fuori per sfidare Obama.
E’ il primo vero attacco che l’ex governatore del Massachussets ha lanciato al presidente. Un video nel quale la frase è ripetuta da disoccupati, bianchi, neri, latini, giovani, donne e anziani. Quella di Romney, considerato il favorito dell’opposizione alla candidatura del 2012, è un inizio di campagna elettorale che punta tutto sulla condizione economica di un paese che sembra non essere più ai vertici mondiali. Lo stesso slogan è stato mutuato da un’espressione che Obama aveva usato per definire il tasso di disoccupazione ancora alto, malgrado i suoi interventi. In proposito il presidente parlò di “una cunetta sulla strada del recupero”.
Un primo avvio di battaglia al governo democratico, mentre gli stessi repubblicani hanno iniziato a giocarsi internamente la candidatura ufficiale. Proprio nelle ultime ore, trasmesso dalla Cnn, è andato in onda un dibattito fra i sette candidati, che hanno risposto anche alle domande del pubblico di facebook e twitter. Due ore di dibattito che si sono trasformate in un tiro al bersaglio contro Barack Obama. L’evento è stato organizzato nel New Hempshire, il primo degli stati dove si terranno le primarie repubblicane. Un appuntamento importante soprattutto per Romney, che aveva saltato il primo dibattito in Sud Carolina. Scelta che gli è servita soprattutto per valutare la sua posizione nei sondaggi rispetto agli altri candidati (l’ultimo rilevamento lo colloca al24 per cento, in rialzo dal 17 per cento di maggio, con 8 punti in più di Sarah Palin).
Gli altri sfidanti sono la deputata del Minnesota Michele Bachmann, Herman Cain, uomo d’affari della Georgia, l’ex senatore della Pennsylvania Rick Santorum, Newt Gingrich, ex presidente della Camera, il deputato del Texas Ron Paul e Tim Pawlenty, ex governatore del Minnesota.

Cristiano Marti