Calcioscommesse: nuove gravi accuse per Doni. Paoloni intanto resta in carcere

Calcioscommesse. Il nome di Cristiano Doni è stato tirato nuovamente in ballo da alcuni indagati di Last Bet. Parlato, Giannone e Pirani, tre delle persone accusate di far parte dell’organizzazione che truccava le partite di Serie B e Lega Pro, avrebbero infatti parlato del ruolo che il capitano dell’Atalanta avrebbe avuto nella manipolazione della gara tra la formazione bergamasca ed il Piacenza. I tre indagati avrebbero inoltre fatto il nome di Nicola Santoni, il preparatore dei portieri del Ravenna e grande amico di Doni, e lo avrebbero descritto come un factotum del giocatore nerazzurro. Dalla Procura di Cremona arriva anche una notizia riguardante Marco Paoloni: l’ex-portiere della Cremonese non verrà scarcerato nelle prossime ore, perchè dovrà essere riascoltato dal Gip.

Doni stesso avrebbe truccato Atalanta-Piacenza? – Stando alla ricostruzione fornita agli inquirenti da Parlato, Giannone e Pirani, sarebbe stato lo stesso Doni a truccare la gara tra Atalanta e Piacenza, andata in scena lo scorso 19 marzo e finita 3 a 0 per la squadra bergamasca. I tre indagati avrebbero infatti dichiarato che la gara sarebbe stata accomodata dal capitano dell’Atalanta, forse parlando con Gervasoni, e che lo stesso Doni vi avrebbe scommesso sopra, servendosi dell’amico e socio Nicola Santoni. Mai tre indagati non si sarebbero fermati solamente a questi particolari: Parlato, Giannone e Pirani avrebbero infatti descritto Doni come un pezzo grosso delle gare truccate, uno dal quale passare per manipolare un match, e a cui piace puntare forte.

Paoloni rimane dentro – Di fronte a queste nuove preoccupanti accuse, è intervenuto l’avvocato difensore di Doni, ovvero Salvatore Pino. Il legale del giocatore atalantino si è detto sconcertato per le nuove accuse che sono state rivolte al suo assistito. Accuse che secondo Pino sono false, e rivolte al calciatore da persone che lui stesso non conosce affatto. Per questo l’avvocato ha detto che presto Doni si presenterà a Cremona, per fornire la sua versione sui fatti. Dalla Procura lombarda arriva intanto la notizia che Marco Paoloni non verrà scarcerato: il Gip vuole infatti sentirlo di nuovo per la vicenda riguardante la somministrazione di un tranquillante ai giocatori grigiorossi, avvenuta durante Cremonese-Paganese, di cui Paoloni rimane ancora il principale indagato.

Simone Lo Iacono