L’inquietante scoperta in “Nel nome del male”

L’inquietante scoperta in “Nel nome del padre”. All’inizio il padre pensa ad una fuga adolescenziale, ma conoscendo Anna Nodali, la madre di un’altra ragazza scomparsa, che gli parla di una setta satanica, indaga in questa direzione, e lo fa chiedendo agli amici e leggendo le mai e scopre che Matteo è entrato nel giro di un gruppo di satanisti. Mentre le indagini del giovane agente Andrea Savino danno fastidio a qualcuno all’interno della setta, quelle di Giovanni creano imbarazzo alla moglie, che decide di cacciarlo di casa, visto che ha infangato il buon nome della famiglia e così l’uomo disperato e solo, pur non arrendendosi, decide di ritrovare ad ogni costo il figlio perduto.

Alex Infascelli – Alex Infascelli parlando della fiction ha detto che, sin da subito, c’è stata una grande sintonia con l’attore protagonista, Fabrizio Bentivoglio. E si sono piaciuti talmente tanto, a livello professionale, che sono andati al di là della sceneggiatura creando addirittura delle scene direttamente sul set.

Fabrizio Bentivoglio – Fabrizio Bentivoglio, parlando del suo personaggio, ha detto che idealmente divide il suo personaggio in tre parti: l’imprenditore di provincia che ha tutto: famiglia, denaro, casa, automobile; il padre, che si rende conto di non aver mai capito il figlio e si chiede dove ha sbagliato e, alla fine, il Protagonista che subisce le conseguenze di questa vicenda. Il suo personaggio ha gli occhiali da vista perché non vuole vedere quello che gli succede attorno, ma quando il figlio scompare è come se gli occhiali si rompessero e fosse costretto a fare i conti con la realtà. A questo punto, se si vuole conoscere questa realtà poco raccontata e vivere un dramma familiare con cupi ed inquietanti retroscena, è bene non perdere “Nel nome del male”, stasera e domani su Sky Uno.

Maria Luisa L. Fortuna