Seno rifatto, la terza piace a due italiani su tre

Seno rifatto, basta una terza. Il seno rifatto piace al 65% degli italiani. Per uno su due la taglia ideale è una bella terza “fresca” di chirurgo plastico, impossibile per molti da riconoscere. E anche alle donne non dispiace l’idea di rifarsi il seno: il 37% farebbe un ritocchino senza pensarci troppo, anche se in generale esse dichiarano un alto grado di soddisfazione per il proprio seno. Sono i dati che emergono da un’indagine condotta da Duepuntozero Research e DoxaPharma, presentata ieri a Roma, su un campione di 1000 donne e 250 uomini e su un numero rappresentativo di chirurghi estetici, realizzata per la seconda edizione dell’Osservatorio Nazionale sulla chirurgia Estetica in Italia promossa da LaCLINIQUE. Molte le donne che rifarebbero il seno, ma poche coloro che hanno già consultato un chirurgo (circa 1 su 4 ha preso appuntamento). Alla base, quindi, c’è una grossa indecisione, dovuta per il 40% alla spesa dell’intervento e per il 28% dalla paura del dolore.

Le motivazioni di un intervento estetico. Dalla ricerca emerge che nel 2011 cresce l’apertura degli italiani nei confronti della chirurgia estetica, trainata dal desiderio di sentirsi più sicuri di sè (+37% rispetto al 2010) e piacersi di più (+25%), oltre alle correzioni di un difetto fisico (95 %). Non a caso, se solo il 7% delle donne dichiara di aver effettuato almeno un intervento, ben il 43% si confessa favorevole a farlo in futuro. Una percentuale in forte crescita rispetto alla rilevazione dell’anno precedente, con un incremento dell’11%. In generale, l’opinione che le donne hanno di altre donne che hanno affrontato un intervento di chirurgia estetica sono “polarizzate”: da un lato vengono criticate perché hanno paura di invecchiare (87 %), sono molto attente al giudizio altrui (85 %), mostrano poca accettazione del proprio corpo (80 %), dall’altro invece suscitano approvazione perché dimostrano di essere attente al proprio corpo (82 %) e amano stare bene con sé stesse (77 %). 

La liposuzione e l’addominopastica ai primi posti.  Tra gli interventi di maggiore interesse, al primo posto si posiziona la liposuzione (29 %), seguita dalla addominopastica (22 %). Sul terzo gradino del podio a pari merito (15 %) il lifting del viso, il lifting delle cosce e la mastoplastica additiva, che rimane l’intervento di maggior interesse soprattutto per le più giovani. Le donne italiane dichiarano in generale un alto grado di soddisfazione per il proprio seno (16 % molto soddisfatta, 54 % abbastanza soddisfatta), ma un buon 37 % confessa di avere preso in considerazione l’idea di un ritocchino. Se per le donne il seno ideale è prima di tutto sodo (73%), per un uomo su quattro dovrebbe essere anche prosperoso.

Adriana Ruggeri