E.coli, Nas sequestrano 5 tonnellate di carne a Verona

E.coli, carne sequestrata a Verona. I Carabinieri del Nucleo Anti Sofisticazioni hanno sequestrato 5 tonnellate di carne sospetta, suddivisa in 1570 confezioni da un kg contenenti hamburger e altre 4000 da 900 gr di polpette. Il marchio Steaks Country, è lo stesso di quello di cui in Francia sette bambini sono rtimasti vittime del batterio dell’Escherichia, contenuto questa volta nella carne. Il sequestro è avvenuto all’interno del centro logistico della catena di supermercati Lidl, i prodottti quindi non erano in vendita, come precisato in una nota della stessa azienda. Altri sequestri verranno con tutta probabilità operati domani. Lidl ha dato piena disponibilità a collaborare coi Nas. Fazio e gli hamburger sicuri. Il Ministro della Salute Ferruccio Fazio ha ringraziato i Nas per il lavoro svolto che ha spiegato essere un “sequestro preventivo” E intervistato a Radio24 ha inoltre fatto sapere che si mangerà un hamburger, perchè “i consumatori italiani possono stare tranquilli”, ha detto. La carne Steaks Country di Verona è stata sequestrata allo scopo di effettuare controlli approfonditi sulla stessa. Dopo questi ultimi ed in caso di risultati negativi, le partite verranno immediatamente dissequestrate. Nessuna prova quindi che la carne attualmente in analisi all’istituto zooprofilattico di Padova sia infetta. Batterio diverso da quello tedesco. I sette bimbi contaminati in Francia dalla carne infetta sarebbero stati vittime di un batterio proveniente da un ceppo diverso, rispetto a quello che da qualche settimana sta facendo tremare la Germania e del quale sembra essere stata rinvenuta l’origine nei germogli di fagioli. A precisarlo è stato un portavoce della Commissione UE, che ha spiegato inoltre che il batterio francese farebbe parte di un ceppo più comune, rispetto a quello tedesco. Le condizioni di sei dei sette bambini ricoverati in Francia sarebbero migliorate. Ancora grave invece un altro bimbo, che comunque non sarebbe in pericolo di vita. A.S.