Giorgio Napolitano all’Arena di Verona per la prima de “La Traviata”

Napolitano, La Traviata – C’era anche Giorgio Napolitano a vedere “La Traviata” di Giuseppe Verdi ieri sera all’Arena di Verona, nella prima che ha aperto l’89esima stagione lirica. Per il presidente della Repubblica, accompagnato dalla moglie, applausi scroscianti all’ingresso all’Arena. Ieri sera a Verona c’era anche il Ministro della Cultura Galan, colto da lieve malore prima di entrare in Arena. Tra gli altri, presenti anche Antonio Albanese e Gianni Morandi.

Traviata – La Traviata è un’opera in tre atti, considerata a ragione l’opera più significativa e romantica di Verdi. Fa parte della trilogia popolare assieme a “Il Trovatore” e a “Il Rigoletto”. La prima rappresentazione risale al 1853 al teatro “La Fenice” di Venezia, ma a causa di interpreti non all’altezza e all’argomento scabroso risultò essere un fiasco.  Soltanto l’anno successivo, riproposta con i dovuti accorgimenti riscosse il successo che meritava. Ieri sera per la prima dell’Arena, anche il Presidente della Repubblica, accompagnato dalla moglie, ha goduto dell’opera e dei suoi passaggi più significativi quali il famoso brindisi “Libiamo ne’ lieti calici”.

Volti noti – Tra gli altri volti noti anche Antonio Albanese e Gianni Morandi che non hanno voluto mancare all’appuntamento. Presente anche il Ministro della Cultura, Giancarlo Galan, che a causa del caldo ha accusato un lieve malore poco prima di accedere alla celebre Arena di Verona per assistere alla rappresentazione. Lo spettacolo di ieri sera è stato diretto dal maestro Carlo Rizzi, ed è stata la novantesima volta che l’opera verdiana in questione è andata in scena a Verona. Il dramma di Violetta si inserisce perfettamente nel quadro delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Rosario Amico