Giuseppe Feyles: dopo il successo di “Quarto Grado”, altri programmi così

Quarto Grado– Si chiude con grande successo la stagione televisiva di “Quarto Grado”, programma di Rete4 che, ogni puntata, si concentra sui giallli irrisolti della cronaca più recente e, molto spesso, purtroppo in fretta dimenticata. Attraverso immagini, interviste e documenti inediti, Salvo Sottile ha conquistato una bella fetta di telespettatori, grazie anche all’aiuto in studio di Sabrina Scampini. Le storie portate in studio vengono messe a nudo, analizzate in tutte le loro sfumature, ricostruite con l’aiuto di protagonisti, esperti, inviati e testimoni. Tutto con un linguaggio semplice e lineare che fornisce spunti di riflessione al telespettatore e gli consente di arrivare ad unn proprio grado di giudizio.

Salvo Sottile- Soddisfatto della buona riuscita della trasmissione e dei risultati ottenuti, lo stesso conduttore spiega gli obiettivi del programma: “Due sono gli obiettivi di Quarto Grado: stimolare il pubblico ad avere un’opinione critica sulla cronaca e dare voce alle vittime. Insieme a criminologi e psicologi esaminiamo le scene del delitto, approfondiamo le personalità dei presunti colpevoli e delle vittime”.

Giuseppe Feyles- Il direttore di Retequattro Giuseppe Feyles, in merito ai grandi ascolti di “Quarto Grado” commenta: “Lo straordinario successo di “Quarto Grado”, che ieri sera ha vinto il prime-time, premia il lavoro di Salvo Sottile e Sabrina Scampini, della curatrice Siria Magri e di tutta la squadra di Videonews; grazie ai risultati del programma – aggiunge Feyles – uniti alla programmazione di cinema e serie di qualità e ad alcuni speciali, la Rete raggiunge anche quest’anno i suoi obiettivi di ascolto nel prime-time“. Ma le dichiarazioni di Feyles non si fermano qui e, anzi, proprio in virtù del successo di un programma di informazione e approfondimento, che ha retto benissimo il ocnfronto con altri programmi molto seguiti sulle altre reti, ha proposto un incremento di trasmissioni dello stesso tipo: “Forti della positiva esperienza di collaborazione tra Rete e strutture giornalistiche, Retequattro punta a rafforzare la sua offerta con nuovi programmi di approfondimento per il prossimo anno“.

Maria Serena Ranieri