Domenica al mare fatale: sei morti, tra cui una bimba, e un ferito grave

Sei morti e un ferito gravissimo. Questo il bilancio di una calda domenica, una di quelle che – anche se non ufficialmente – che avrebbero dovuto dare il benvenuto all’estate e che invece finiranno per essere ricordate a causa delle numerose tragedie che si sono verificate sui litorali del Paese.
A perdere la vita sono stati sia italiani che stranieri, sia adulti che bambini. Le cause dei decessi sono da ricondurre il più delle volte alla concomitanza delle cattive condizioni del mare e all’imprudenza delle vittime.

Bibione – Nella località veneta sono morti due uomini, coinvolti in due tragedie separate. Una delle due vittime è un cittadino tedesco di 76 anni, che si trovava in Italia per le vacanze, mentre per quanto riguarda l’altro decesso si tratta di un maschio più giovane, ma non ancora identificato. In entrambi i casi, chi si è reso conto della tragedia ha visto comparire sul pelo dell’acqua i corpi senza vita degli sfortunati nuotatori al punto che sono risultati inutili gli interventi dei soccorritori.

Celle Ligure – In questo caso a perdere la vita è stato un poliziotto originario di Salerno, impiegato presso la questura di Biella. La vittima aveva ventinove anni e per lui è stata fatale la corrente che gli ha impedito di tornare a riva, portandolo contro una vicina scogliera. L’urto con i massi ha fatto perdere i sensi al poliziotto che è deceduto poco dopo essere stato soccorso da un medico che si trovava sul posto.

Fregene – Nei mari laziali a morire è stato un ventiduenne di nazionalità afghana che è stato colto da un malore mentre si trovava in acqua. Il corpo della vittima è stato trovato a parecchia distanza dal punto in cui è avvenuto l’annegamento, perché presumibilmente trascinato dalla forte corrente.

Orbetello – Ancora uno straniero è deceduto nel mare in provincia di Grosseto. Si tratta di un turista di 41 anni di nazionalità canadese: l’uomo nonostante le cattive condizioni del mare aveva deciso comunque di fare un bagno, ma complice, anche questa volta, la corrente ha finito la sua in acqua. Non si esclude la possibilità di un malore.

Civitanova Marche – Nella località marchigiana è morta una bimba di appena quattro anni. La vittima era di nazionalità algerina ed è deceduta poco dopo essere stata ricoverata nel reparto Rianimazione di uno nosocomio locale.

Albisola – Ad Albisola non vi è stata nessuna vittima, anche se la tragedia si è paventata nella triste disavventura capitata a un giovane che trascinato contro gli scogli, adesso rischia la paralisi completa.

S. O.