Immigrazione, commissario Onu a Lampedusa: Mantenere confini aperti

Giornata di visite ufficiali quella odierna a Lampedusa, l’isola a sud della Sicilia che da mesi è al centro dell’attenzione per essere il principale punto di approdo delle migliaia di immigrati che, partiti dai paesi nordafricani, tentanto di raggiungere l’Europa.
Alla vigilia delle celebrazioni da parte dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (Onu) della Giornata mondiale per i Rifugiati, visiteranno Lampedusa sia l’Alto commissario Onu per i rifugiati, Antonio Guterres, che l’ambasciatrice Onu di buona volontà Angelina Jolie.
Nel programma di Guterres sono previste visite ai centri di accoglienza – di cui spesso si è parlato per i rifiuti ricevuti dai giornalisti che si proponevano di osservare le condizioni in cui vivono gli immigrati in attesa di decisioni sul loro futuro -, alle autorità locali e agli operatori delle forze dell’ordine e delle organizzazioni non governative impegnate sul territorio. L’Alto commissario Onu prenderà parte anche a una cerimonia al monumento della Porta d’Europa in memoria di quanti hanno perso la vita nel tentativo di arrivare nel Vecchio Continente.

Ringraziamenti – Appena giunto sull’isola, Guterres ha così commentato: “Lunedì è la giornata mondiale dei rifugiati, che celebrerò insieme al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Roma. Ma oggi sono qui per ringraziare in particolare la Guardia di Finanza e la Guardia costiera per il loro lavoro di assistenza in mare: hanno saputo essere molto sensibili alla definizione di nave in difficoltà. E dire grazie ai lampedusani, per la loro accoglienza in una situazione complessa”.
L’Alto commissario ha poi ricordato quale sia l’invito dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, specialmente in questo periodo parecchio turbolento da un punto di vista socio-politico: “Mantenere i confini aperti“, ha sottolineato Guterres.

Jolie – Parole di apprezzamento anche nei confronti dell’attrice di Hollywood Angelina Jolie, da tempo impegnata in progetti dell’Onu: “Non è solo una celebrità – ha tenuto a specificare l’Alto commissario – è una persona competente e molto impegnata, spesso le chiedo di andare in missione per me. Certo il fatto che sia anche una celebrità aiuta la nostra causa, ma lei lo farebbe anche senza alcuna pubblicità. E’ un ottimo membro della nostra squadra“.

S. O.