Tamarreide: Cristiana Mirò, la falsa tamarra di sangue blu

Cristiana Mirò, da tamarra a erede del miele Ambrosoli. A lanciare lo scoop è stato il principe del gossip, Alfonso Signorini dalle pagine del settimanale Chi e per alcuni è stata la soluzione all’enigma…  Infatti, Cristiana Mirò, milanese di 19 anni, presentatasi come cubista e ragazza immagine, non ha mai convinto come vera truzza… Si è distinta certo da subito, esagerata e provocatoria, sboccata e sfacciata, come per voler dimostrare quel che per lei vuol dire essere tamarro “Volersi distinguere, farsi notare con l’abbigliamento e il modo di parlare”.

Ma nelle vene di Cristiana non corre sangue tamarro e quel che è venuto fuori è un personaggio falso e dall’identità sfocata…

Tamarreide, una docu-soap o solo finzione per elogiare il trash? Tamarreide è la docu-soap in onda tutti i lunedì su Italia Uno, condotta da Fiammetta Cicogna, che si pone come obiettivo di far conoscere il significato di essere vero tamarro. La partecipazione della rampolla Ambrosoli ad un programma come Tamerreide, che nasconde la propria identità per mostrarne un’altra all’opposto, la dice lunga sul mondo dei ventenni ribelli ma soprattutto sulla autenticità di quello che si è proclamato come un programma da vedere perché “dalla gente vera s’impara sempre qualcosa di buono”. Con buona pace della “gente vera”!

Codacons contro Tamarreide. Dalla prima puntata Tamarreide non è piaciuto affatto alla Codacans e all’Associazione Utenti Radiotelevisivi che ne ha chiesto la sospensione o, quanto meno, di spostarlo in una fascia oraria meno seguita dal pubblico di giovanissimo. Il programma, infatti, è ritenuto “un concentrato di eccessi, dove volgarità, parolacce, atteggiamenti ambigui e riferimenti al sesso sono al centro di tutto. Considerato il target della rete, la trasmissione rischia di risultare particolarmente diseducativa per i giovani, fornendo modelli di riferimento controversi e situazioni, comportamenti e contesti quantomeno discutibili.”

Ed ora si scopre anche quel che si sospettava dall’inizio, che non si tratta altro che dell’ennesima vetrina dove giovani di facili aspettative tentano il trampolino di lancio nel mondo dello spettacolo…

Caterina Cariello