A 40 anni dalla morte di Jim Morrison, nuove iniziative sui “Doors”

Doors, Jim Morrison – Come vi avevamo anticipato, è di imminente uscita un lavoro cinematografico riguardante la carriera di uno dei gruppi cult più amati del pianeta: i “Doors”. “When you’re strange” è il titolo del film-documentario che ripercorrà le alterne vicende della band, dai loro più grandi successi e seguitissimi concerti, agli eccessi che hanno minato la salute del loro leader fino a condurlo alla morte il 3 luglio 1971.

Oltre il film – Al di là dell’uscita cinematografica, diretta da Tom DiCillo da domani nelle sale, la Rhino records ha previsto anche due uscite, stavolta su supporto ottico. Saranno presto disponibili infatti la colonna sonora del film e un cofanetto dal titolo “A collection”, che includerà tutti i sei album della band e che quindi farà rivivere nei nostri stereo tutte le hit che hanno fatto grandi i Doors. Da “Break on through” a “Light my fire”, saranno riproposti tutti i brani che hanno reso celebri ed immortali gli psichedelici Doors.

Morgan – Questa sera a Roma ci sarà una speciale anteprima del film. Proiezione che sarà anticipata da un’esibizione di Morgan, che suonerà qualche pezzo. Morgan è la voce narrante protagonista nel doppiaggio di “When you’re strange”, ed ha dunque un ruolo attivo all’interno del lungometraggio. “Jim mi ha sempre ispirato voglia di fare. Lui è una stella, nel senso di energia, propulsione, fuoco” ha commentato dalle pagine de “La Repubblica”. E poi ha proseguito: “Mi commuove pensare che ha vissuto solo per 27 anni, un’età diabolica. Hendrix, Joplin, anche loro morti a 27 anni. Anche Luigi Tenco aveva 27 anni. Ma, per la mole di arte e cultura prodotta, quei 27 anni valgono una vita. Per questo, Jim Morrison non è di certo un artista inespresso”.

Rosario Amico