Amy Winehouse: dopo il concerto di Belgrado due date cancellate

Amy Winehouse, Belgrado – L’esibizione di Amy Winehouse a Belgrado è stata, a detta di molti, una delle peggiori della storia della città. Ventimila fan hanno sopportato la presenza di una performer evidentemente ubriaca o comunque sotto l’effetto di qualche sostanza che le impediva addirittura di scandire bene le parole che compongono i testi delle sue canzoni. Dopo tale vergognoso concerto, ben due date del tour della cantante di “Black” sono state cancellate. Il pubblico della capitale della Repubblica di Serbia era a dir poco inferocito: reazione comprensibilissima, anche alla luce del costo non proprio basso dei biglietti per i concerti di Amy Winehouse.

Due date cancellate – Dopo un’esibizione penosa di fronte ad un pubblico che sembrava quasi volerle suggerire le parole delle sue stesse canzoni, Amy Winehouse ha deciso di cancellare dal proprio tour la data di Istanbul e quella di Atene. Alla luce dell’eliminazione di questi due concerti e della performance di Belgrado, i fan italiani della filiforme cantante potrebbero finire per perdere ogni voglia di vederla dal vivo o per smettere di sperare che Miss Winehouse venga davvero a Lucca. Per quanto l’amore di un fan possa essere incondizionato, bisogna ammettere che una cantante che balbetta anziché cantare non è piacevole da ascoltare per nessuno.

Di nuovo ubriaca – La giovane è sembrata essere di nuovo ubriaca, nonostante si sia recentemente sottoposta ad una cura disintossicante. Fa tenerezza, oltre che rabbia, se la si guarda anche solo in video. Fa tenerezza perché farebbe male quasi a chiunque guardare una ragazza giovane che subisce la propria stessa debolezza al punto da ridursi in un simile stato, e fa rabbia perché il talento che Amy Winehouse possiede ma che tenta ogni volta di ridicolizzare è evidente agli occhi di tutti. In ogni modo, parlare è facile. Ci si augura tutti che la giovane Winehouse possa sconfiggere i demoni che la tormentano: se una persona arriva al suo livello vuol dire che non ha proprio un buon rapporto con sé stessa.

M.C.