Lega Pro, Verona e Juve Stabia in B

Si è conclusa definitivamente la stagione calcistica nella giornata di ieri: le finali dei playoff di Lega Pro hanno sancito le ultime due squadre che prenderanno parte al torneo del campionato cadetto della stagione 2011/12. Trattasi della Juve Stabia, squadra di Castellamare di Stabia in provincia di Napoli, che ha battuto l’Atletico Roma al Flaminio per 2 a 0, e dell’Hellas Verona, che torna in B dopo quattro anni di assenza nonostante la sconfitta subita all’Arechi per mano della Salernitana.

Stabia espugna il Flaminio – All’andata la Juve Stabia in casa era riuscita ad ottenere un pareggio ostico contro una squadra di tutto rispetto capitanata da Baronio e Mauro Esposito, ex giocatori di Serie A e della Roma e del Chievo: al ritorno la terza squadra di Roma poteva accontentarsi del pareggio, forte del miglior posizionamento in classifica, ma a rompere gli indugi ci ha pensato Molinari che nel recupero del primo tempo aveva trovato l’1 a 0. Il risultato appaga i napoletani, che però chiudono la gara con Giorgio Corona all’88’ beffando l’Atletico Roma che per il secondo anno consecutivo si ferma alla finale dei playoff.

Verona vincente a Salerno – Ben più tragica è la vittoria della Salernitana all’Arechi, in una sfida decisa da tre rigori, due a Verona e uno a Salerno. La squadra casalinga, per l’occasione vestita a festa e con un Arechi esaurito con 30mila spettatori, va in vantaggio nel recupero del primo tempo con un rigore trasformato da Carrus dopo aver spinto numerose volte l’azione in area avversaria. Nel secondo tempo, nonostante il grande incalzare del pubblico e un Verona spento, i ragazzi di Roberto Breda, oramai prossimo alla Reggina, ottengono solo qualche bel gioco di gambe di Fabinho, scuola Udinese, e Ragusa, inconcludente sotto porta. Con un’ammonizione nel finale per simulazione in area di rigore data a Montalto, si spegne la speranza della Salernitana, che, persa la Serie B, oramai attende solo l’annuncio del fallimento.

Mario Petillo