Palinsesti Rai: Fiorello è la carta vincente della Rai

Fiorello è la novità. La grande stabilità di cui parla Lorenza Lei, il direttore generale Rai, nel presentare i nuovi palinsesti alla convention Sipra, vorrebbe significare che non ci sono novità di rilievo… E, infatti, quasi tutte le trasmissioni televisive caratteristiche della Rai sono state confermate. Ma una novità c’è ed è anche entusiasmante visto che si tratta di uno dei personaggi più amati che certamente porterà alle stelle gli ascolti tv: Fiorello… Allo showman è stato affidato un programma che dovrebbe prevedere quattro o sette puntate e avere inizio a novembre. Per i dettagli, purtroppo, dobbiamo ancora attendere. Ma Fiorello ha già esordito con un “Giochiamo per la vittoria!” e in effetti è lui la carta vincente della Rai per il prossimo autunno, il lunedì sera su Rai Uno.

Programmi confermati. Sono stati confermati Carlo Conti a I migliori anni e L’eredità, e Mara Venier a La vita in diretta, affiancata da Gerardo Greco che sostituisce Lamberto Sposini. Antonella Clerici sarà ancora al timone di Ti lascio una canzone e de La prova del cuoco che quest’anno potrebbe essere abbinata alla Lotteria Italia. Una nuova coppia per Unomattina: Franco Di Mare e Elisa Isoardi mentre a Domenica In vedremo la brava Lorella Cuccarini e Massimo Giletti con L’Arena. Ancora conferme con Simona Ventura a Quelli che il calcio. Rivedremo Chi l’ha visto, Ballarò, Mi manda Rai 3 e Parla con me di Serena Dandini.

Magazine sul 2. Rimasta fuori Caterina Balivo che sembrava contendersi la domenica con la Cuccarini. Per lei per il momento non ci sono programmi da condurre e il nuovo magazine su Rai Due, come anticipato da Rodolfo De Laurentiis, non vuole essere gossip e tv del dolore ma puntare su famiglia e valori. Il consigliere Rai, infatti, un po’ di tempo fa affermò la necessità di avere spazi in Rai “che puntino l’attenzione sui problemi dei ragazzi, delle giovani coppie con la proposta di modelli positivi e un linguaggio in linea con le profonde trasformazioni in atto nella società italiana”.

Caterina Cariello