Napolitano: Aiutare i giovani che vivono nell’incertezza e nell’instabilità

Roma – Messaggio del presidente della Repubblica per la presentazione a Roma dell’associazione “Generazioninsieme“. “Indispensabili per la crescita la salvaguardia e la valorizzazione del capitale umano e delle risorse di creatività e innovazione“.

Napolitano e i giovani –In una corretta visione di uno sviluppo sostenibile e nel rispetto del principio fondamentale di solidarietà, i rapporti di responsabilità e fiducia fra le generazioni costituiscono le basi essenziali per assicurare una effettiva integrazione tra patrimoni di esperienze, valori e ideali, e per corrispondere alle esigenze e alle aspettative di tanti giovani che vivono una condizione di instabilità e incertezza nel loro futuro“. Ad affermarlo è il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano in occasione della presentazione a Roma, presso la sede del Cnel, dell’Associazione “Generazioninsieme“.
Il presidente prova a riportare l’attenzione della politica verso i giovani, la costruzione del loro futuro, il lavoro. Obiettivo difficile visto che nelle Camere oltre ai voti di fiducia sul governo, si parla invece di riforma fiscale, giustizia e localizzazione dei Ministeri.
Gli autorevoli contributi in programma, con il rilevante apporto di giovani ricercatori, testimoniano la ricchezza ed importanza degli obiettivi che si propone il vostro sodalizio“, continua il capo dello Stato nel suo messaggio. E poi: “Come ho avuto modo di sottolineare in più occasioni, un deciso e accresciuto impegno per la salvaguardia e la valorizzazione del capitale umano del nostro Paese e delle sue risorse di creatività e d’innovazione è condizione indispensabile per assicurare una equilibrata crescita economica e  la stessa tenuta del tessuto civile e sociale“.
In una corretta visione di uno sviluppo sostenibile e nel rispetto del principio fondamentale di solidarietà, i rapporti di responsabilità e fiducia fra le generazioni costituiscono le basi essenziali per assicurare una effettiva integrazione tra patrimoni di esperienze, valori e ideali, e per corrispondere alle esigenze e alle aspettative di tanti giovani  che vivono una condizione di instabilità e incertezza nel loro futuro“, conclude poi Napolitano.

 Matteo Oliviero