Mazara, bimba di 4 anni abusata: costretta dai genitori a vedere video hard

Storia dell’orrore quella che giunge da Mazara del Vallo, comune in provincia di Trapani. Un uomo di 40 anni, con precedenti penali, e la compagna di 27 sono stati arrestati con un’accusa pesantissima: quella di aver abusato ripetutamente della loro figlia di appena quattro anni. I soprusi avrebbero riguardato sia la sfera sessuale che quella relativa prettamente ai maltrattamenti che, in special modo dalla madre, venivano perpetrati alla bimba.
Gli inquirenti sono riusciti a venire a capo di una vicenda che difficilmente riuscirebbe a essere partorita anche dalla mente dei più: la vittima degli abusi sarebbe stata sistematicamente legata a una sedia, picchiata e costretta ad assistere ad atti sessuali anche di gruppo e a guardare video porno.

Custodia cautelare – I due adulti, entrambi originari della cittadina trapanese, sono stati raggiunti da un provvedimento di custodia cautelare firmato dal gip del Tribunale di Marsala, in seguito alla richiesta inoltrata dal pm Bernardo Petralia.
Per il padre vi è anche l’accusa di favoreggiamento della prostituzione.
La vittima di questa tragica vicenda è stata presa in cura dagli assistenti sociali e data in affidamento a una struttura assistenziale che si occuperà di lei.
Forse non avrà una mamma e un papà, almeno per il momento, ma considerato ciò che il suo passato le ha riservato, questo è un bene.

S. O.