Borghezio insiste: Roma è sporca, fa schifo. La Polverini lo querela

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:05

Borghezio shock: Roma fa schifo. “Roma è una città sporca, fa schifo. Alemanno si rimbocchi le maniche e pensi a lavorare invece di perdere tempo a fare polemiche con noi”. Dopo aver consigliato un “trapianto del cervello” ai cittadini capitolini che non vogliono pagare il pedaggio sul Gra, l’europarlamentare leghista Mario Borghezio torna all’attacco e punta il dito contro Roma e la sua amministrazione. L’esponente del Carroccio. intervistato da Klaus Davi, definisce la P4 e il sistema Bisignani “fenomeni squisitamente romani”, mentre il sindaco Alemanno e il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, “volenti o nolenti, sono i burattini di questi burattinai“.
Roma come Calcutta. La capitale “ricorda più Calcutta che una metropoli occidentale”, rimarca l’europarlamentare leghista. E ancora: “Alemanno dovrebbe correggere molte cose, a cominciare dalla sistemazione del traffico stradale di Roma. Dovrebbe razionalizzare i servizi pubblici e pulire una città che fa schifo. I cittadini sarebbero d’accordo con me, sono molto avanti rispetto alla classe politica sia di destra che di sinistra. I segnali che sono arrivati dalla gente sono più facilmente ricevibili da una classe dirigente politica come la nostra, piuttosto che da quella che comanda ancora nel centro-sud, che è sempre la stessa da 30 anni“.

‘Alemanno e Polverini burattini nel sistema Bisignani’. La P4 e il sistema Bisignani “sono la patologia che è diventata realtà e che ormai fa parte della vita quotidiana. Alemanno e la Polverini, volenti o nolenti, sono i burattini di questi burattinai. Loro – rincara la dose il leghista -non si rendono conto, vanno a tagliare i nastri, ma chi ha fatto tutto il resto sono personaggi che loro sono ben lontani dal controllare“. “E’ penoso rendersi conto, attraverso le intercettazioni, che persone collocate ingenuamente ai vertici delle istituzioni e delle aziende pubbliche si rivolgano come degli scolaretti al preside Bisignani per esigenze elementari come scrivere una lettera del loro mandato”, sottolinea un Borghezio senza freni.

La Polverini querela Borghezio. Non conosce Bisignani e non accetta le accuse che le giungono dall’europarlamentare del Carroccio. Per questo motivo la presidente della regione Lazio, Renata Polverini, ha dato mandato ai suoi legali di presentare querela contro Mario Borghezio, “per le parole diffamatorie” pronunciate durante il programma Klauscondicio. “Non conosco il signor Bisignani – ha detto la Polverini – e non accetto insinuazioni che possano ledere la mia dignità e il mio ruolo istituzionale. Di tutto questo l’onorevole Borghezio risponderà per le vie legali“.

Raffaele Emiliano

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!