Asteroide saluta la Terra a 12.000 km di distanza

Passaggio Asteroide 27 giugno. Individuato attraverso il telescopio robotizzato Linear, appartenente al MIT, domani sera un asteroide ribatezzato dalla NASA 2011 MD, passerà abbastanza vicino alla Terra da poter essere visto (munendosi di telescopio), da diverse zone del pianeta.  Secondo gli studiosi dello spazio non sussiste alcun pericolo di collisione con la superficie. L’asteroide passerà infatti ad una distanza insignificante se rapportata alle misure spaziali, ma comunque ragguardevole, circa 12.000 km. Più o meno la metà, rispetto a quella in cui sostano i satelliti geostazionari e circa un trentesimo (per difetto) della distanza esistente tra la Terra e la Luna (380.000 km, approssimativamente).

Tra un furgone e un autoreno. Questo il range  calcolato dalla NASA in riferimento a 2011 MD. I dati hanno infatti rilevato che le sue dimensioni sono comprese tra gli 8 e i 18 metri. Secondo quanto riportato dall’agenzia spaziale USA, lo stesso asteroide ritornerà a far visita alla Terra nel 2022, anche in quel caso, non ci sarà alcun pericolo. Asteroidi di tali dimensioni passano vicino alla Terra più o meno ogni sei anni. Lo scorso febbraio un analogo corpo celeste, il 2011 CQ1 sfiorò il nostro pianeta, transitando a circa 5.500 km dalla superficie.

Apocalissi mancate. Lo sfioramento della Terra, da parte di corpi celesti che seguono orbite stabilite come gli asteroidi, sono spesso causa di allarmismi e teorie apocalittiche, create appositamente (magari per scherzo) o generate da reale paura. E’ il caso, ad esempio, dell’asteroide denominato 2005 YU55, che il prossimo 9 novembre, passerà tra la Terra e la luna, a circa 333.000 km di distanza dal cosiddetto pianeta azzurro. Le sue dimensioni sono completamente diverse rispetto al “minuscolo” 2011 MD. I calcoli della NASA infatti, hanno indicato una grandezza prossima ai 400 metri. Questo però non costituisce di per sé alcun tipo di pericolo, che anzi gli esperti hanno totalmente escluso.

A.S.