Tendenza estate 2011: il morbillo

Il ritorno del Morbillo. Con il caldo è tornato a far parlare di sè. Il morbilo, infatti, continua a essere causa di epidemie locali in tutte Europa e anche in Italia. Dall’ottobre dello scorso anno ad aprile circa 1.700 casi. All’Istituto Superiore di Sanità stanno analizzando le schede di segnalazione ricevute tra maggio e giugno. <<Si saranno aggiunte centinaia di nuove infezioni – rimanda al bilancio finale dei dati Stefania Salmaso, responsabile del dipartimento malattie infettive e epidemiologia – Non dobbiamo essere sorpresi perché il fenomeno è la prevedibile conseguenza della mancata efficacia dell’ultimo piano vaccinale contro morbillo e rosolia congenita>>.

Il morbillo colpisce soprattutto Bolzano. Il problema principale all’epidemia in atto è stata la mancata vaccinazione di molti bambini nelle Asl. Dai dati emerge che l’obiettivo (il 95% di copertura vaccinale) non è stato raggiunto, arrivando all’85%, cioè due bambini su 10 non sono stati vaccinati. <<In alcune regioni la situazione è particolarmente grave – continua Salmaso – Solo la metà della popolazione pediatrica riceve le dosi. I focolai epidemici si stanno spostando a scacchiera nel nostro Paese. Colpite soprattutto le aree dove la percentuale del vaccinati è particolarmente bassa, come la provincia autonoma di Bolzano, dove le associazioni contrarie a questo tipo di prevenzione sono molto attive>>.

Adolescenti i più colpiti. Il virus quest’anno si è diffuso soprattutto negli adolescenti, 17 anni è la media dell’età di cui sperimenta i colpi di una malattia infettiva erroneamente creduta di poco conto e che invece può avere esiti rischiosi e perfino mortali. Proprio per questo il Piano nazionale per l’eliminazione del morbillo e rosolia congenita 2010-2015 trasmesso dal ministero della Salute alle Asl lo scorso febbraio rinnova gli obiettivi mancati e raccomanda una serie di interventi. Il vaccino è raccomandato, non dunque obbligatorio. <<La chiamata attiva – insistono gli esperti – è uno degli strumenti più efficaci per aumentare la copertura>>.

Daniela Ciranni