Prima serata La7, Dottori in prima linea

Il nuovo programma di infotainment di La7- Prende il via stasera 29 giugno su La7, Dottori in prima linea, un programma pensato per offrire utili consigli medici ai telespettatori, e aiutarli così ad affrontare le piccole e grandi emergenze quotidiane. La medicina fa il suo ingresso nella prima serata di La7 grazie a quattro autorevoli specialisti in diversi rami della medicina: Caterina Bisceglia, cardiologa del San Raffaele, Pierluigi Spada, chirurgo d’urgenza del Policlinico Gemelli, Michele Battuello, medico dello sport ed esperto di traumatologia dello sportivo e del paziente comune, e Filippo Ongaro, esperto di medicina rigenerativa e anti-aging, nonche’ per anni medico presso l’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Con loro ci sarà la conduttrice televisiva, Carolina Di Domenico, che farà le veci di un’assistente e gestirà un programma dove sono previsti anche test ed esperimenti in studio.

I bambini sono al centro della prima puntata di Dottori in prima linea. In “Emergenza bambini” si analizzeranno le emergenze quotidiane che si possono verificare con i bambini piccoli, come l’ingestione o l’inalazione di piccoli oggetti.  Tata May, di Sos Tata, aiuterà i genitori a evitare alcuni errori che potrebbero avere conseguenze importanti per la salute del bambino.  Sono venti milioni gli italiani che russano e i dottori della trasmissione cercheranno di dare una risposta alle tante domande legate a questo tema: perché si russa, quali possono essere i danni per la salute e soprattutto come smettere.

Dottori in prima linea si occuperà anche di un tema delicato come l’ictus che colpisce non solo gli anziani, ma anche gli under 45, per capire come salvarsi e tornare a vivere una vita normale. Verranno dati consigli anche sullo stile di vita e il regime alimentare grazie a Luca Telese che si sottoporrà a vari test sul suo corpo; mentre la sessuologa e ginecologa Stefania Piloni farà test e prove divulgative agli ospiti in studio.  Spazio, infine, anche all’ironia con Riccardo Rossi che ironizzerà sui vizi, le debolezze e le ipocondrie degli italiani.

A.P.