Banchetto con carne di orso: animalisti contro la Lega

Carne di orso, animalisti contro la Lega. L’annuncio dell’esponente leghista Maurizio Fugatti, che ha definito il banchetto a base di carne di orso come “un’occasione per stare insieme all’aperto e rivivere antiche tradizioni gustando prelibati piatti tipici trentini”, oltre ad aver provocato uno scontro interno alla maggioranza di governo, com’era prevedibile ha fatto infuriare anche gli animalisti. Il contesto è quello del programma “Life Ursus”, attraverso il quale dovrebbero essere reinseriti alcuni orsi sulle montagne trentine. Un programma che però non sembra stare bene a tutti. Fugatti ha infatti spiegato che , il banchetto è “un segnale chiaro ai cittadini, che hanno tutto il diritto di riconquistare il loro territorio e di girare liberi senza mettere a rischio la propria incolumità (…) noi preferiamo consumarli in questo modo” (gli orsi,  NDA) ha concluso.

L’ira della LAV. In un comunicato stampa la LAV, la Lega Anti-Vivisezione,  spiega che  “cacciare gli orsi, proporre il loro abbattimento, e, naturalmente, cucinarli non sono soltanto comportamenti aberranti dal punto di vista etico, ma perseguibili come reato e assolutamente illegali”, e cita la Convenzione di Berna del 1979, la legge quadro del 1992  e la “Direttiva Habitat” 92/93. Tutte e tre, riferisce la LAV, indicano l’orso come “specie protetta a livello nazionale, comunitario ed internazionale”. Durissimo il Presidente dell’associazione, : “Il rispetto del territorio e del naturale equilibrio fra uomo e animale, auspicato dall’on. Fugatti – ha dichiarato Gianluca Felicetti richiede impegno e iniziative di ben altro spessore dal punto di vista politico e ambientale rispetto ad un banchetto dove servire cadaveri”.

Il WWF, proposta indecente. Siamo increduli ha fatto sapere Massimiliano Rocco, responsabile specie del WWF – si continua a strumentalizzare la gestione dell’orso bruno e non se ne discute invece in termini scientifici. Siamo in presenza di una “segnalazione pubblica da parte degli organizzatori che dichiarano di voler consumare una specie protetta” ha continuato, invitando le autorità ad intervenire.  Sulla questione si sono espressi anche il Ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo che parla di “superficialita’ orgogliosa con cui e’ stato annunciato un evento barbarico” ed il Ministro degli Esteri Franco Frattini che sul suo blog personale  ha espresso sconcerto per l’intenzione di Fugatti di organizzare un banchetto a base di “quell’animale, quasi in estinzione, che stiamo faticosamente riportando sulle montagne italiane che ha abitato per secoli”. Il Ministro Brambilla, fervente animalista, nonchè protagonista pochi giorni fa di un video nel quale la si vede giocare tranquillamente a palla con una tigre, ha esplicitamente chiesto l’intervento del segretario del Carroccio, Umberto Bossi.

A.S.