F1, Montezemolo: “La Ferrari non molla la presa”

F1, parla Montezemolo – L’appuntamento inglese di Silverstone si sta rilevando davvero delicato ed importante per gli uomini del cavallino. Le ultime tre gare hanno visto una significativa ripresa della monoposto rossa, risultato però non proprio veritiero visto che a Monaco, Canada e Valencia non è richiesto un particolare carico aerodinamico. La voglia quindi di confermarsi in una pista sulla carta ostica è tanta e traspare perfettamente nelle parole di Luca Cordero di Montezemolo: “Nei giorni scorsi ho fatto il punto della situazione insieme a Stefano Domenicali e ai suoi tecnici. Stiamo lavorando con il massimo impegno e si sono visti già dei miglioramenti rispetto alle prime gare, che sono frutto anche di un diverso approccio allo sviluppo della vettura

Nessuna resa – Qualcosa quindi è davvero cambiato per quanto riguarda il modo e pensiero nel sviluppare la monoposto. Certamente però le difficoltà rimangano tali e quali: “Sappiamo che la situazione nelle due classifiche è difficile ma non voglio sentire parlare di mollare la presa: dobbiamo cercare di progredire continuamente e di lottare per la vittoria ad ogni gara, com’è d’obbligo per la FerrariL’obbiettivo finale resta dunque il gradino più alto del podio, spezzando il chiaro domino Red Bull. Da sottolineare comunque il grande cambiamento che il circus ha avuto con l’avvento delle Pirelli: “Voglio cogliere l’occasione per fare i complimenti alla Pirelli, al suo ritorno in Formula 1. Le gare sono tutte molto incerte e ricche di sorpassi, interessanti per il pubblico fino alla fine, sia sulle tribune sia in televisione. Era uno degli obiettivi che il nostro sport si era posto e credo sia stato raggiunto

Speranze per il futuro – Infine un occhio è già rivolto alla sfida 2012, stagione che il cavallino vorrà certamente disegnare come quella del riscatto dopo le tante delusioni patite sino ad oggi: “Ovviamente abbiamo anche cominciato a parlare della vettura del 2012, com’è normale che accada in questo periodo. Ho fiducia in quello che stanno facendo Domenicali e i suoi e sono convinto che ne vedremo i risultati” Con tanto di apprezzamento verso l’arrivo dei nuovi motori V6: “La scelta di avere un motore V6 turbo a partire dal 2014 è giusta e prendo atto con soddisfazione come abbia prevalso il buon senso. E’ la prova di come lavorando insieme, senza inutili contrapposizioni, si possano raggiungere i migliori risultati per il bene di questo sport” Si aspettano notizie positive anche sul fronte di Maranello.