Crisi Grecia: Eurogruppo dà l’ok alla quinta tranche

Crisi grecia, ok al prestito. Dopo l’approvazione da parte del Parlamento della manovra di Austerity, tra rimpasti e violentissimi scontri di piazza, i ministri delle Finanze facenti parte dell’Eurogruppo hanno dato il via libera alla quinta tranche del prestito complessivo da 110 miliardi per salvare la Grecia e farla rimanere in area euro. 12 miliardi, parte dei quali provenienti dal Fondo Monetario Internazionale della neoeletta Lagarde, da assegnare entro il 15 luglio. Entro il 2015 invece i miliardi destinati alla penisola ellenica saranno 28. Il premier Papandreou chiede però da tempo ulteriori aiuti; i 110 miliardi di euro previsti, suddivisi in cinque parti e dei quali nelle ultime ore è stata approvata l’ultima tranche, sono stati giudicati insufficienti. La necessità è quindi quella di un secondo piano di aiuti.

Ancora tasse sulla Grecia. La manovra economica greca appena approvata porterà nuove tasse. tra le quali, una tantum tra l’1 e il 5% e l’abbassamento della soglia di esenzione fiscale, da 12 a 8 mila euro. A giugno S&P ha nuovamente tagliato il rating, motivando la decisione con il rischio che la nazione potrebbe non riuscire a rispettare il programma concordato con UE ed FMI, segnalando inoltre, un divario crescente tra i prestiti previsti e le necessità del paese. Il tutto sarebbe dovuto secndo Standard&Poor’s ad un difficile accesso ai finanziamenti de mercato per il 2012 da parte della Grecia.

Italia a rischio, oggi l’incontro con la Consob. Dopo il declassamento della Grecia la stessa agenzia ha recentemente “avvisato” anche l’Italia, mettendo sotto osservazione 16 banche italiane. Le possibilità di un eventuale taglio di rating anche per l’Italia sono di una su tre, anche se in generale la manovra di Tremonti è stata giudicata in modo positivo. Uno dei problemi starebbe però nella lotta all’evasione fiscale, sulla quale S&P ha indicato che il governo potrebbe essere stato “troppo ottimista”. Oggi la Consob incontrerà sia S&P che Moody’s, convocati settimana scorsa. Il focus sarà probabilmente sui reporti delle due agenzie di rating, in riferimento alle modalità ed ai tempi con i quali questi ultimi vengono diffusi.

A.S.