Emma Marrone: “così ho vinto la mia battaglia contro il cancro”

Emma Marrone, cancro – Emma Marrone, famosa cantante 27enne della provincia di Lecce, vincitrice di un’edizione di “Amici” e fresca di una collaborazione con i Modà che l’ha portata a calcare il palco dell'”Ariston” per il festival di Sanremo, racconta dalle pagine del “Corriere della Sera” la sua storia. Emma ha affrontato una neoplasia che le aveva preso utero e ovaie: “Anche la ricerca dei marker nel sangue confermava la presenza di cellule tumorali. A quel punto non potevo più sfuggire“, precisa l’artista.

Più forte di tutto – Il motivo per cui Emma spiega solo adesso la sua avventura è da ricercarsi nel fatto che l’artista non voleva che il suo male fosse strumentalizzato sia ai tempi di “Amici” che durante il festival di Sanremo. Adesso invece che la battaglia contro questo male oscuro può dirsi vinta, Emma vuole farsi promotrice di campagne sulla prevenzione e ha sposato la causa della Fondazione Ant di Bologna, che si occupa di prevenzione e assistenza domiciliare in campo oncologico dal 1985. Il male l’ha colpita circa due anni fa, l’intervento a cui è stata sottoposta è durato sette ore. Poi il normale decorso operatorio e i continui controlli a cui la cantante si sottopone periodicamente: “la prevenzione è importante. Avessi fatto più visite prima, magari avrei arginato il problema in maniera diversa”, puntualizza.

Campagna – Per questa campagna a favore della prevenzione a cui presterà il volto, Emma non intascherà una lira. Su tale argomento è la stessa Emma a esporsi: “Se lo faccio adesso è perché ci credo e voglio aiutare, se posso. Non ho bisogno di usare una malattia del genere per sponsorizzarmi. Nemmeno un mese fa è morta di tumore una mia giovane fan e altre sono in cura. Questo bisogna chiedersi: è normale, ancora oggi, che una ragazzina di 17 anni muoia di tumore in Italia?“. Il tema è senz’altro di scottante attualità ed Emma rappresenta certamente un esempio costruttivo da seguire.

R.A.