Home Notizie di Calcio e Calciatori

Calciomercato Napoli: Yebda torna al Benfica. Ore decisive per Inler

CONDIVIDI

Calciomercato Napoli- Hassan Yebda non è più un calciatore del Napoli. A darne l’annuncio è lo stesso calciatore algerino che, tramite il suo sito ufficiale, saluta i tifosi partenopei: “Con la consapevolezza di aver svolto il mio compito e la certezza di aver disputato una bella stagione che vi annuncio la mia partenza da Napoli. Mi mancheranno i tifosi, i miei compagni, la città che mi hanno accolto con grande affetto fin dal primo giorno. Auguro a tutti loro buona fortuna per la prossima stagione“. A Yebda non sono bastate le 39 presenze stagionali condite da una rete in Coppa Italia per la conferma all’ombra del Vesuvio. L’ormai ex centrocampista napoletano tornerà al Benfica ma non è certa una sua permanenza in Portogallo, visto che Leonardo lo vorrebbe al Psg.

Ore decisive per Inler- L’estenuante telenovela legata a Gokhan Inler sembra essere giunta finalmente ai titoli di coda. Il centrocampista svizzero infatti non è stato convocato per il ritiro estivo dell’Udinese, sintomo evidente di una partenza imminente del calciatore. Bigon ha accelerato i contatti con il procuratore di Inler per mettere nero su bianco. Le alternative al centrocampista bianconero sono Vidal e Palacios, ma al momento l’unico pensiero del Napoli è quello di chiudere al più presto la trattativa per portare a Napoli (finalmente) Inler.

Britos il favorito in difesa- Il Napoli è sicuramente una delle società più attive sul mercato. Oltre al nodo legato alla trattativa per Inler e la ricerca di un vice Cavani, i partenopei cercano anche un difensore. I nomi caldi sono due: Ogbonna del Torino e Britos del Bologna. Se per il primo il discorso è più complicato, viste le esose richieste del presidente Cairo, per il secondo sembra essere più semplice: già in passato il difensore uruguaiano è stato accostato al Napoli e, in più, con l’ingresso nella società bolognese di Salvatore Bagni, intavolare una trattativa non è sicuramente impossibile.

Antonio Pellegrino