Chavez infiamma la folla: Vincerò sul cancro, viva la vita e la rivoluzione (Video)

Caracas festeggia il ritorno di Chavez. “Risalirò la china contro il male che si è insediato nel mio corpo”, ma “vi assicuro che vinceremo questa battaglia”. A pochi giorni di distanza dall’annuncio in diretta tv della sua malattia, il presidente venezuelano Hugo Chavez, tornato a sorpresa a Caracas dopo quasi un mese a Cuba, dove ha subito due interventi per un cancro, ha parlato alla folla (video in fondo all’articolo).

Il discorso del ‘comandante’. Il leader bolivariano si è affacciato dal balcone centrale del Palazzo Miraflores, sede della presidenza a Caracas, rivolgendosi a migliaia di sostenitori radunatisi nella piazza: “Mi sono messo nelle mani di Dio e in quelle della scienza della medicina, questa è l’ora della vita e della patria“, ha detto. “Che nessuno creda che la mia presenza oggi in questo posto significa che abbiamo vinto la battaglia. No. Abbiamo iniziato a risalire la china”, ha immediatamente precisato il presidente.

‘Viva la vita, viva la rivoluzione’. Chavez ha parlato con serenità degli interventi subiti sull’isola dell’amico Fidel: “La seconda operazione è del 20 giugno, non lo dimenticherò mai. Il 24 giugno – ha raccontato – ero ancora in terapia intensiva, nell’ambito di un processo di guarigione lenta ma netta. Tale intervento è stato rilevante e si é protratto per più di sei ore: mi sono messo nelle mani di Dio e della scienza”. Infine, il saluto alla folla che, munita di bandiere e camicie rosse e ritratti di Chavez, ha voluto festeggiare il ritorno in patria del presidente: “Viva il Venezuela e la ‘revolucion bolivariana’, viva i popoli dell’America Latina e dei Caraibi, viva Fidel, Cuba, viva la vita, viva Chavez“. Pronta la replica dei sostenitori assiepati nella piazza: “Con Chavez tutto, senza Chavez niente, benvenuto comandante“.

Raffaele Emiliano