Harry Potter: una saga da record

Ormai la magia è finita: il finale della storia del maghetto Harry Potter sta per essere svelato anche a tutti coloro che l’hanno conosciuto solo attraverso il grande schermo e che non si sono mai presi la briga di leggerne le avventure. I sette libri di Harry Potter, il cui numero sembra essere destinato a restare tale, hanno fatto sognare grandi e piccini: difficile non immaginare i record che i volumi hanno conquistato.

Tradotto in sessantasette lingue – I sette romanzi di Harry Potter sono stati tradotti in ben sessantasette lingue. Sono pochi i libri che sono riusciti a toccare apici di questo tipo, e che non si pensi che sia improbabile che un libro per bambini abbia avuto un tale successo. Harry Potter non è affatto un libro per ragazzi; probabilmente i primi due episodi della saga sono pensati anche (o forse soprattutto) per i più piccoli, ma degli altri non si può affatto affermare lo stesso. Il bello di Harry Potter è che il libro cresce (o potrebbe crescere) insieme al lettore: se si volesse iniziare ad intraprendere la splendida avventura che consiste nel leggere i sette libri della saga alle scuole medie, la si potrebbe finire dopo il liceo o verso la fine di esso, magari leggendo un libro ogni anno.

Quattrocentocinquanta milioni di copie – I libri di Harry Potter hanno venduto, in tutto, circa quattrocentocinquanta milioni di copie. Si tratta di cifre da record. C’è chi, ultimamente, paragona il successo e i contenuti dei libri di Harry Potter a quelli di “Twilight”; per la maggior parte dei fan del maghetto si tratta di vere e proprie eresie: la saga di Harry Potter è composta da alcuni dei libri che caratterizzeranno le ultimissime generazioni, e la magia, i valori, l’intelligenza e la suspense che si trovano al suo interno la saga di “Twilight” se li sogna.

Martina Cesaretti