Facebook: due giovani rubano identità di Tremonti

Facebook. Cantanti, attori e presentatori tv. Sono molti i profili falsi che popolano l’universo di Facebook e che attraggano molti seguaci. Nell’ultime ore sul famoso social network è apparso un account falso del ministro Giulio Tremonti, che sta facendo tremare due trentenni torinesi autori del fake.

Due giovani rubano identità di Giulio Tremonti.Due trentenni esperti della rete e con vivaci competenze informatiche capaci di far perdere le loro tracce collegandosi al social network da posti sempre diversi”. Così sono stati descritti dalla Guardia di Finanza un fiorentino e un torinese, autori del colpo informatico più spettacolare degli ultimi giorni. I due hanno creato un falso profilo a nome del ministro del Tesoro su Facebook che in pochi giorni ha raggiunto circa 5000 richieste d’amicizia. Gli 007 informatici delle fiamme gialle e della polizia tributaria hanno individuato e denunciato i due trentenni alla procura di Roma, che ha aperto un’inchiesta coordinata dal pm Nello Rossi e dal sostituto Giuseppe Corasaniti. I due ragazzi sono stati rintracciati uno in provincia di Torino e l’altro in quella di Firenze.  

Operazione che ha coinvolto Guardia di Finanza e Facebook. La Guardia di Finanza si è insospettita dopo aver letto dei post sospetti e ha subito ricostruito la vicenda.  L’operazione è riuscita anche grazie alla collaborazione dei dirigenti del social network. Da Facebook, infatti, sono stati subito fornite tutte le informazioni utili che riconducevano ai creatori del falso profilo. Così, ai due non è bastato sfruttare connessioni intestate ad aziende per cui lavoravano o ad amici e conoscenti, sono stati rintracciati e adesso i due trentenni rischiano un anno di reclusione.  

Daniela Ciranni